22.5 C
Milano
venerdì, Giugno 14, 2024

Israele: l’Ufficio Nazionale del Turismo ed easyJet assieme per promuovere il paese

di Ada Mascheroni

La compagnia aerea easyJet e l’Ente del turismo di Israele, (Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo) celebrano i nove anni della rotta Milano Malpensa – Tel Aviv, inaugurata da easyJet nel 2014.
Un grande successo, tanto che, in questo lasso di tempo la compagnia aerea ha trasportato più di 570mila passeggeri italiani, alla scoperta della città più giovane dello stato, il cui nome in ebraico significa “collina delle primavera”.

Data la vicinanza tra le due città, l’aeroporto Internazionale Ben Gurion serve anche la città santa di Gerusalemme, raggiungibile con il treno direttamente dall’aeroporto.

Negli anni, le frequenze dei voli sono costantemente aumentate, tanto che oggi, nei periodi più “caldi” si registrano fino a 11 collegamenti settimanali.

Israele ed easyJet un binomio di successo

Un risultato incoraggiante che compensa anche la costante attività dell’Ufficio del Turismo per promuovere sul mercato italiano tutte le mete che Israele può offrire.

Tra le novità, da segnalare, la riapertura dopo tre anni del Davidson Center all’interno del Parco Archeologico di Gerusalemme, ove saranno esposti antichi manufatti risalenti al periodo del Primo Tempio (2.700 anni fa).

Meno frequentato dai turisti italiani, ma di straordinario interesse, il sito archeologico sottomarino di Cesarea, uno dei più belli e significativi di Israele. Qui ci sono le rovine della città (attiva già in epoca fenicia) rifondata nel I sec. a.C. da Erode il Grande, che ne fece la capitale della provincia romana di Giudea e un attivo centro portuale sulle rive del Mediterraneo. A Cesarea, oltre a rovine e vestigia di epoca romana, si trova l’unico museo sottomarino al mondo, da visitare facendo snorkeling. Proprio qui, a Cesarea, l’Istituto di studi marini dell’Università di Haifa ha reso visitabili in mare i resti dell’antico porto romano di Cesarea Marittima. 

Attrarre più turisti e visitatori significa anche investire sulla costruzione di nuovi alberghi. Gruppi e marchi del lusso, dopo il periodo di arresto della pandemia, sono tornati a operare in Israele mettendo in cantiere molte novità.

A Eilat, la cittadina situata sulla punta settentrionale del Mar Rosso, da alcuni mesi ha aperto Stay Eilat, un elegante boutique hotel con una trentina di stanze, per soli adulti, non lontano da alcune delle più belle spiagge della città: The Pearl, Kisuski e Miki.

La catena alberghiera Golden Crown ha inaugurato a Nazareth The Blend, un hotel che coniuga tradizione e contemporaneità. Con le sue 70 camere si trova nel centro della cittadina, a pochi minuti dalla Città vecchia.

A settembre del 2022 ha aperto a Tel Aviv il raffinato Theodor Brown Hotel del gruppo internazionale Brown Hotels. Un nuovo indirizzo “Contemporary Bauhaus chic” che si trova in un vivace quartiere alla moda, tra alcuni dei più famosi ristoranti e locali notturni della città.

Gerusalemme

E’ aperto da poco lo Swell Beach Hotel ad Ashdod  – città nel Distretto Meridionale di Israele, sulla costa del Mar Mediterraneo – primo hotel in Israele del marchio Curio Collection del gruppo Hilton.

Progettata dal famoso architetto Lea Rubanenko e dall’interior designer di lusso Daniel Hasson, la struttura offre 84 tra camere e suite, una piscina all’aperto e uno spettacolare rooftop bar.

A Gerusalemme è prevista l’apertura di The Pullman Hotel Jerusalem, il primo della catena internazionale Accor nel Paese. Destinato a una clientela business, sorgerà a breve distanza dal parco industriale high-tech Har Hozvim situato nella parte nord occidentale della città e offrirà numerose sale riunioni e strutture per conferenze, oltre a due piscine e una palestra.

Maria Grazie Falcone sottolinea come l’Italia sia un mercato rilevante per Israele, il quinto per provenienza. Per questo motivo è assai importante la nuova campagna promozionale “Israele…proprio come nessun posto al mondo!”, slogan che riassume l’unicità di questa terra con 300 giorni di sole all’anno, il clima mite e la sua varietà paesaggistica e storica.

Massimo Terracina
Massimo Terracina
Giornalista dal 1987 si è sempre occupato di sport e turismo, con incursioni su radio e tv. Ha sempre la valigia pronta per esplorare il mondo, inesauribile fonte di spunti. Viaggiare allarga la mente. "State viaggiati" (con licenza)

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles