0.5 C
Milano
martedì, Febbraio 7, 2023

Torna la Festa della Pitina

Il 12 e 13 novembre a Tramonti di Sopra nel cuore delle Dolomiti friulane Patrimonio Unesco

Il Mercato della Terra con oltre 40 produttori da Italia ed estero

Degustazioni, esplorazioni della gastronomia locale ed eventi per tutta la famiglia

In cucina, i piatti di dieci cuochi dell’Alleanza Slowfood provenienti da Italia ed estero

Torna la festa in onore della pitina IGP, primo presidio Slow Food del Friuli Venezia Giulia, la polpetta di carne affumicata e speziata (ovina, caprina o originariamente di camoscio e capriolo), nata per conservare la carne nei mesi autunnali e invernali, in zone tradizionalmente povere.

Appuntamento sabato 12 e domenica 13 novembre nel cuore della Val Tramontina, nel borgo di Tramonti di Sopra (PN), che si trasformerà ne Il Mercato della terra (coperto), una mostra mercato delle eccellenze enogastronomiche, a partire dalla pitina e dagli altri presìdi Slowfood regionali e nazionali, fino ad oltre 40 produttori presenti che arrivano dal resto dell’Italia e anche da oltre confine.

Nella grande cucina della festa (sempre coperta e riscaldata), dieci cuochi dell’Alleanza di Slowfood del territorio, d’Italia e d’Europa si riuniranno per esaltare la Pitina (e non solo) attraverso piatti inediti e accostamenti inusuali: Lena Flaten, cuoca dell’Alleanza Slow Food dei Cuochi di Flammans Skafferi (Storlien – Svezia), Cristian Borchi, cuoco dell’Alleanza Slow Food dei Cuochi del Ristorante “Locanda Antica Porta di Levante” (Firenze, Toscana) , Bernd Ratjen, cuoco dell’Alleanza Slow Food dei Cuochi di Zur Erholung Uetersen (Amburgo, Germania), Franco Santoli, cuoco dell’Alleanza Slow Food dei Cuochi del Ristorante al Bassotto Hotel Santoli (Bologna, Emilia Romagna), Oskar Messner, cuoco dell’Alleanza Slow Food dei Cuochi di Pitzock, Essen & Trinken (Bolzano, Trentino Alto Adige), Stefano Basello, cuoco dell’Alleanza Slow Food dei Cuochi de Il Fogolar 1905 – Ristorante 1905 (Udine, Italia), Davide Larise, cuoco di Cucina Naturale – chef, consulente e formatore per ristoranti di cucina naturale, Federico Mariutti, cuoco dell’Alleanza Slow Food dei Cuochi dell’Osteria Turlonia (Pordenone, Italia), Riccardo Gasparini, cuoco dell’Alleanza Slow Food dei Cuochi del Rifugio Vallata (Pordenone, Italia) e infine Manuel Marchetti, cuoco della Trattoria3Corone (Pordenone, Italia).

Durante i due giorni di festa, ci saranno degustazioni, incontri, presentazioni e speciali laboratori dedicati ai bambini.

Sul sito www.festadellapitina.com è possibile consultare il programma completo delle due giornate e prenotarsi agli eventi.

L’evento è organizzato dalla Condotta del Pordenonese di Slow Food in collaborazione con Promoturismo, Concentro, Cciaa di Pordenone, Proloco e Comune di Tramonti di Sopra, Ascom e Fipe di Pordenone e con il Patrocinio della Fondazione Dolomiti Unesco e del Parco Naturale Dolomiti friulane.

Rilanciata nel 2017 dalla Condotta Slow Food del pordenonese, la festa della pitina era nata nel 1970 su idea della Pro Loco locale che voleva salvaguardare il prodotto tipico e locale: dopo l’edizione 2020, tutta in versione live sui social, e dopo lo stop forzato a causa Covid, la festa ritorna con la sua formula originaria di mostra mercato per far conoscere la pitina, le produzioni locali e internazionali e anche il territorio della Val Tramontina, solcata dal Meduna e caratterizzata da bellissimi paesaggi e sentieri e dal lago di Redona da cui affiorano i suggestivi ruderi di una antico borgo.

La pitina IGP.

La pitina nasce nel 1800 nella zona di Frassaneit, una delle borgate del comune di Tramonti di Sotto (PN), dall’esigenza di non sprecare nulla e di conservare la carne di camoscio e capriolo: tagliata a coltello, la carne veniva impastata con sale, pepe nero, aglio e erbe, lavorata a forma di polpetta, ricoperta di farina di polenta per chiudere i pori e messa sul caminetto ad affumicare in modo da preservarla più a lungo possibile.

Oggi la pitina si mangia cruda tagliata a fette sottili dopo almeno 30 giorni di stagionatura, ma è ottima anche cucinata: può essere scottata nell’aceto e servita con la polenta, rosolata nel burro e cipolla e aggiunta nel minestrone di patate, o ancora fatta al cao, cioè cotta nel latte di vacca appena munto.

Le Dolomiti Friulane: Sito Unesco dal 2009

La Val Tramontina fa parte delle Dolomiti friulane Sito Unesco: queste cime costituiscono l’area più occidentale della montagna del Friuli Venezia Giulia e abbracciano anche la Valcellina e la Valle del Tagliamento. Sono considerate la parte più incontaminata e selvaggia dell’intero gruppo dolomitico, Patrimonio dell’Umanità UNESCO da 10 anni.

Sono il paradiso di escursionisti e scialpinisti, di appassionati di nordic walking, free climbing e ice climbing. Le loro guglie, paragonate a chiese e campanili, restituiscono i colori del tramonto e sono le preferite dai fotografi. Sentieri e percorsi sempre curati consentono di attraversare completamente l’omonimo Parco naturale o di seguire itinerari ad anello da rifugio a rifugio. Il campanile di Val Montanaia sfida i trekker più allenati, mentre gli amanti del nordic walking trovano percorsi attrezzati con una specifica segnaletica.

Anche l’ambito pedemontano è tutto da esplorare, con le sue valli scavate dai fiumi tra rocce spettacolari, dove si scoprono grotte e laghi verde smeraldo, si incontrano piccoli borghi tipici tra i più belli d’Italia.

www.festadellapitina.com

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles