27.8 C
Milano
giovedì, Giugno 20, 2024

I Suoni delle Dolomiti, il meglio della musica e della montagna

Al nastro di partenza “I Suoni delle Dolomiti” che si articolano dal 30 giugno al 31 agosto. Sono venticinque gli appuntamenti della kermesse “I Suoni delle Dolomiti” ambientati negli scenari più affascinanti delle Dolomiti trentine. Tra i protagonisti dell’estate 2018 molti i nomi importanti del panorama rock, jazz, della musica classica e folk senza dimenticare la canzone d’autore: da Mario Brunello a Gidon Kremer, da Paolo Fresu a Ginevra di Marco e – tra gli altri – una leggenda come Graham Nash o un autore ormai di culto come Grant-Lee Phillips.E ancora Maria Pia Devito, Avi Vital, Isabelle Faust, Teresa Salgueiro. E dopo lo straordinario successo del 2017 torna anche la Campiglio Special Week. La settimana con Gidon Kremer e la Kremerata Baltica è uno dei tre progetti speciali che vedono anche l’incontro tra il jazzista Paolo Fresu e la Musega de Poza, per una nuova rilettura delle musiche della montagna e, infine, un viaggio lungo un secolo che intreccia i destini individuali, la guerra e la musica, da una idea di Mario Brunello e Alessandro Baricco. Completano il programma un omaggio alla musica di Lucio Battisti e il tradizionale trekking musicale che quest’anno vedrà al fianco di Mario Brunello il famoso alpinista Manolo.

Ogni anno idee e musiche nuove percorrono sentieri e pareti, ogni anno si aggiungono scenari nuovi, ogni anno torna la voglia di sperimentare e mettersi in gioco anche nel dialogo tra artisti, pubblico e natura. E ogni anno migliaia di persone scoprono la montagna come luogo di meraviglia e incontro, come esperienza da ricordare e, soprattutto, da vivere come non si fa con nessun altro luogo.

È quanto riesce creare il festival “I Suoni delle Dolomiti” che anno dopo anno propone l’abbinamento vincente tra luoghi incantevoli ed esperienze altrettanto indimenticabili grazie a una formula consolidata – ma mai uguale a se stessa – che vede grandi musicisti esibirsi tra le più belle cime delle Dolomiti trentine. “

Nei giorni scorsi al MUSE, nuovo partner del Festival, si è svolta la presentazione della XXIV edizione il cui programma è stato presentato dai direttori artistici Mario Bunello e Chiara Bassetti.

Mario Brunello ha aperto la serata eseguendo la “Ciaccona” di Johann Sebastian Bach. “Chi ama la musica e la montagna – ha spiegato il maestro Brunello – fa presto ad unire le due cose ed in quel momento nasce questa figura nuova che capisce, apprezza, gode dell’arte musicale e dello spazio che le Dolomiti riescono ad inventare e dei silenzi che riescono a ricreare.”

Per il presidente della SAT Claudio Bassetti “In montagna si fa musica da sempre e attraverso la coralità è stata data dignità a queste espressioni. Un patrimonio che oggi si arricchisce di armonie e suggestioni sempre nuove grazie a questo festival che è si un apporto turistico, ma soprattutto culturale”.

Michele Dallapiccola, assessore provinciale al turismo, ha concluso gli interventi ricordando come “Il nostro turismo sta andando bene perché è gestito dall’ingegno degli uomini della montagna. Quando questo ingegno si incontra con le espressioni più alte della cultura e della bellezza noi siamo sempre pronti a crederci e a investirci”.

Presenti al MUSE anche numerosi rappresentanti delle APT di ambito coinvolte nel progetto e delle maggiori istituzioni della montagna trentina, SAT, Accademia della montagna, Guide alpine, Soccorso alpino e Associazione gestori rifugi del Trentino.

Venticinque gli appuntamenti musicali tra luglio e agosto che spazieranno dalla musica classica al jazz, dalla world music alla canzone d’autore coinvolgendo musicisti e artisti da tutto il mondo.

A chi partecipa come interprete o pubblico viene chiesto di essere protagonista e di raggiungere i luoghi dei concerti a piedi, condividendo sentieri tra pascoli alpini e boschi o rocce. Sulle spalle i musicisti portano, i propri strumenti sino a radure, conche, formazioni rocciose dove a mezzogiorno – all’alba alle ore 6 – si assiste a quell’unico e irripetibile incontro (condiviso) tra la creatività, la natura con i suoi silenzi, suoni, colori e le persone.

Per info: trentinomarketing.org; isuonidelledolomiti.it

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles