23.2 C
Milano
martedì, Luglio 23, 2024

In Scozia il turismo

Il 14 ottobre 2009 i Governi Indiano e Scozzese hanno firmato una Dichiarazione d’Intenti, nella quale si incoraggia la collaborazione tra Università ed Istituti di Ricerca di entrambi i paesi, per la ricerca e lo sviluppo di nuove tecnologie per la produzione di energia a basso impatto ambientale.
Sia la Scozia che l’India dispongono di abbondati risorse naturali per la produzione di energia rinnovabile, ed entrambi i Governi sono propensi al loro utilizzo, soprattutto per la fornitura a comunità rurali dislocate in aree remote o difficili da raggiungere.
Inoltre il governo Scozzese si candida al titolo Capitale dell’Energia Verde d’Europa, con l’ambizioso obiettivo di trasformare il 50% dell’energia prodotta in rinnovabile entro il 2020.
Le piattaforme eoliche situate nel Moray Firth, e la ricerca e sviluppo per lo sfruttamento dell’energia marina sono solo due dei diversi campi d’applicazione per la produzione di energia pulita.
Anche il settore turistico e Visit Scotland, l’Ente Nazionale per la Promozione della Scozia, sono da tempo promotori dell’Eco Sostenibilità e del Turismo Verde. Qui di seguito una serie di Tour Operator, sistemazioni e località che fanno dell’Eco Sostenibilità la principale vocazione:

 

RABBIE’S TRAIL BURNERS
www.rabbies.com

Il T.O Rabbie Trail Burners è da anni all’avanguardia nel settore del turismo sostenibile, promuove il trasporto verde ed agevola le comunità e le piccole imprese del territorio che si trovano lungo i tour organizzati, migliorando così la sostenibilità di queste aree rurali. I clienti pagano direttamente i B&B, e sono incoraggiati a visitare le piccole imprese locali.

 

BLUEBELL CROFT
www.bluebellcroft.co.uk

Blubell Croft è un cottage di lusso in affitto nel cuore delle Highlands, sito in una fattoria che adotta criteri di sostenibilità. I visitatori possono consumare prodotti rigorosamente organici, sia vegetali, che animali, tra cui uova, salmone affumicato, pancetta, prosciutto e formaggio.
Bluebell Croft si è aggiudicato il prestigioso GTBA Award – Green Tourism Business Scheme Award – tra le altre motivazioni, per la riduzione di emissioni inquinanti e per l’incentivo al riutilizzo di biancheria e del riciclaggio di vari materiali.

 

WILDERNESS SCOTLAND
www.wildernessscotland.com

E’ uno dei principali T.O Eco Sostenibili della Scozia, e grande supporter della preservazione ambientale, tanto da aver lanciato il proprio programma di conservazione, che finanzia le associazioni ambientali, tra cui la John Muir Trust, Trees for Life e lo Scottish Wildlife Trust.
Wilderness Scotland incoraggia i clienti a donare £5, con l’obiettivo di raccogliere £5000 entro la fine del 2009 da devolvere alla causa della sostenibilità ambientale.

CAIRNGORM MOUNTAIN
www.cairngormmountain.com

Situata ad Aviemore, Cairngorm Montain, vincitore di un Gold Award al Green Business Tourism Scheme, è un vero paradiso per gli amanti del trekking e degli sport invernali.
La destinazione è un esempio di rilievo per la preservazione dell’ambiente naturale, ottenuta grazie all’implementazione di un notevole progetto. Cairgorm Mountain non solo incentiva il riciclo, ha ideato un sistema per cercare di ridurre l’impatto che le orme lasciate dai camminatori possono avere sulla fauna. Inoltre ai visitatori vengono distribuite delle borse biodegradabili in cui riporre i rifiuti durante le escursioni, che verranno poi buttate in speciali contenitori dislocati in diversi punti del sito.

CnDo
www.cndoscotland.com

Fondato nel 1984, CnDo è un T.O specializzato in trekking, escursioni e attività all’aria aperta, e durante i tour le guide, specializzate in preservazione ambientale, sensibilizzano i partecipanti sull’importanza del rispetto per la natura e della sostenibilità.
I tour si tengono nelle aree più remote delle Highlands e sulle isole, privilegiando le piccole realtà imprenditoriali locali. Vincitore del GTBS – Green Tourism Business Scheme Award – CnDo ha lanciato, in partnership con il National Trust for Scotland, il progetto Carbon Conservation Scotland, nel quale la compagnia si impegna a donare una somma equivalente all’emissione di C02 prodotta durante i tour organizzati. Il denaro donato sarà poi utilizzato per la bonifica delle torbiere sull’Isola di Arran.

GLENEAGLES
www.glaneagles.com

Gleneagles , uno dei più famosi resort scozzesi, ha sviluppato la propria visione per migliorare la sostenibilità dell’area in cui è sito, per diventare totalmente "environmentally friendly".
Il resort ha un sistema di smaltimento rifiuti davvero innovativo, che ha come obiettivo l’annullamento dell’uso di discariche ed interramento. Anche il sistema energetico mira all’obiettivo di fare di Gleneagles un carbon neutral resort.
Sono prediletti produttori e fornitori locali, con particolare attenzione a quelle imprese che adottano criteri di sostenibilità. Gli ospiti sono sensibilizzati alla politica dell’hotel, e vengono incoraggiati a fare donazioni per progetti come il Pertshire Big Tree Country.

 

SCOTTISH SEABIRD CENTRE
www.seabird.org

Da tempo promotore del Turismo Sostenibile in Scozia, lo Scottish Seabird Centre, è uno dei centri che ha avuto il maggior numero di riconoscimenti per l’impegno nella preservazione della natura.
Vincitore di 25 premi in ambito turistico, tra cui il Thistle Award for Sustainable Tourism, il Queen’s Award for Enterprise and Sustaniable Development e il GTBS gold award, il Centro ha come obiettivo la minimizzazione dell’impatto ambientale e l’educazione dei visitatori al rispetto e alla protezione della natura.
Vengono utilizzate fonti di energia alternativa, soprattutto quella solare, impiegata anche per le telecamere e per la macchina che emette i biglietti d’ingresso.
Allo staff viene fatto uno specifico training mirato alla sostenibilità, e i rifiuti del centro, quando possibile, vengono riciclati. Per esempio l’olio utilizzato in cucina viene riciclato da un produttore d candele locale, Carberry Candles.

 

Questi sono solo alcuni dei molti ed interessanti esempi di Turismo Sostenibile in Scozia. Per la lista completa, siete pregati di contattare l’Ufficio Stampa di Visit Britain Italia:

Silvia Bocciarelli, Press & PR Manager, tel (da non pubblicare) 02 88081544, e-mail: Silvia.bocciarelli@visitbritain.org

Per informazioni sulla Gran Bretagna: www.visitbritain.it

 

 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles