28.5 C
Milano
domenica, Luglio 21, 2024

Il nuovo romanzo di Gabriella Poli

 

Beatrice guarda il lago e ode alcune note misteriose. Inizia un percorso che la porterà nell’arcipelago maltese alla scoperta dell’antico segreto del potere dell’armonia… .«Ho sempre creduto che la musica fosse la strada per arrivare all’essenza spirituale, alla verità delle nostre origini, al nostro io più profondo, nel bene e nel male…».

 

 

 

"La musica trasmette l’essenza dell’uomo, diceva Stockhausen, il celebre compositore tedesco, uno dei musicisti più significativi del XX secolo, che spaziò dalla dodecafonia alla musica elettronica, ispirando, tra gli altri, i Beatles, Brian Eno e Franco Battiato, che gli dedicò il suo lavoro sperimentale "Clic". Ho sempre creduto che la musica fosse la strada da percorrere per arrivare all’essenza spirituale, alla verità delle nostre origini, al nostro io più profondo, nel bene e nel male"… . Gabriella Poli, introduce così"La sinfonia dei Templari", il suo ultimo romanzo ambientato tra il Garda e l’Arcipelago maltese, territori che la giornalista scrittrice conosce bene per averci vissuto e lavorato.
L’ambiente gardesano dalla preistoria ai giorni nostri, le pagine di storia risorgimentale delle colline moreniche a sud del Benaco, le origini dei Templari e l’arcipelago maltese: tutto sembra legato da un filo conduttore. Un pretesto per parlare a lungo del territorio gardesano toccando le cittadine a sud del lago come Peschiera, San Martino, Sirmione. Il territorio dell’antica silva lucana, ora ricoperto dai vigneti del pregiato Lugana.
Ricca la bibliografia con le opere, tra le altre, di tanti colleghi e amici gardesani come Tullio Ferro,e Angelo Peretti, Maurizio Benedetti, Maurizio Bernardelli Curuz, Lino Vittorio Bozzetto, Giorgio Maria Cambié, Michele Vescia.
"Mio nonno paterno, Simone, valente musicista, prosegue la scrittrice – mi diceva che un semplice accordo può risvegliare ricordi e far emergere nella nostra mente conoscenze sepolte nei millenni della storia dell’umanità e dell’universo, conoscenze che molti hanno sopito scordando ciò che veramente siamo: potentissime essenze spirituali. Nel novembre 2004 Stockhausen in un’intervista disse che "gli occhi sono estremamente limitati perchè vedono solamente la superficie del mondo e dell’esistenza, che altro non è che un’illusione. Le orecchie, invece, possono entrare in un mondo più complicato e molto più ricco: la musica può creare relazioni tra le fini vibrazioni dell’uomo e anche trasmetterle". Quanto alla musica delle sfere il compositore sosteneva che "… si può immaginare mentalmente questo suono: la musica delle sfere è un sogno dell’uomo che specula dimentico della propria natura corporea". E ancora "… la spiritualità dell’uomo è fondamentale. Noi siamo spiriti. Anche se in genere lo spirito è dormiente e il corpo regna. Ma il corpo è solo lo strumento, o una macchina. Il pilota è lo spirito. E dopo la morte la scintilla dello spirito si unisce al fuoco dello spirito universale".
Beatrice (Bea), la protagonista femminile de "La sinfonia dei Templari", è una donna che ha già vissuto e provato sulla sua pelle molte esperienze interessanti anche se, spesso, dolorose. Inquieta, non si rassegna a ciò che le appare sempre più come un ineluttabile destino di morte del pianeta.
Continua ad analizzarsi e a ragionare sul senso degli accadimenti e della deriva della società nella quale fatica sempre più a riconoscersi. Consapevole di appartenere alla generazione di passaggio tra le vecchie e le nuove tecnologie, vuole a tutti i costi ricordare le culture e le tradizioni, i sapori e la manualità che sembrano destinati ad essere sopraffatti dalla "ignorante" politica di globalizzazione e di realtà virtuale manipolata dalla finanza senza scrupoli. All’improvviso la donna inizia a udire alcune note misteriose provenire dall’ambiente che la circonda che sembrano spingerla ad intervenire "prima che sia troppo tardi". La sua sensitività la conduce nell’arcipelago maltese dove scopre un’isola straordinaria che custodisce segreti e antiche sapienze in grado di salvare l’umanità e la terra minacciate da sconvolgimenti sociali, climatici e ambientali e da una paventata collisione con un asteroide.

GABRIELLA POLI, BRESCIANA, GIORNALISTA, SCRITTRICE, È AUTORE DI PROGRAMMI RADIOFONICI E TELEVISIVI.
PREMIO INTERNAZIONALE DI GIORNALISMO 2008 "NODO D’AMORE". HA LAVORATO, TRA L’ALTRO, PER QUOTIDIANI E RIVISTE NAZIONALI, PER LE TRE RETI RAI, MEDIASET E L’AGENZIA ANSA. HA DIRETTO TESTATE GIORNALISTICHE, RADIOFONICHE E TELEVISIVE. SOCIA FONDATRICE DEL PANATHLON DEL GARDA È SOCIA ONORARIA DELL’INNER WHEEL DI PESCHIERA E GARDA VERONESE. COAUTRICE, TRA L’ALTRO, DEL LIBRO EDITO DA RIZZOLI NEL 2008 "100 ISOLE DA VEDERE NELLA VITA".

 

 

GABRIELLA POLI
LA SINFONIA DEI TEMPLARI
GRUPPO EDITORIALE L’ESPRESSO
WWW. ILMIOLIBRO. IT
216 PAGINE, EURO 12.60

Info : Gabriella Poli cell. 347 4189457
Mail: GABRIPOLI @ YAHOO. IT

 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles