GIST Green Travel Award 2022: ecco i vincitori

0
947
Il presidente Sabrina Talarico, la giuria del Green Travel Award e il suo presidente Diana de Marsanich con i premiati

In occasione della BIT (Borsa Italiana Turismo), lunedì 11 aprile 2022  –
Giornata Nazionale del Mare – nella Sala Coral 3- Padiglione 4, di fieramilanocity, il Gist ha conferito il Premio Gist Green Travel Award 2022 per le eccellenze del turismo sostenibile e responsabile.

Il prestigioso riconoscimento attribuito dal Gruppo Italiano Stampa Turistica con il patrocinio di Legambiente, giunto alla sua X edizione, è destinato alle migliori realtà italiane ed estere che operano nei settori della ricettività e organizzazione turistica, così come delineate dalla  “Carta europea del turismo sostenibile e responsabile”, divise in 7 categorie e un Premio Speciale:

 

– Best Green Destination italiana
– Best Green Destination  estera
– Best Green Tour Operator
– Best Green Family Hotel
– Best Green Accomodation Italia
– Best Green Accomodation Estero
Best Bio Spa
Premio Blu, Menzione d’onore Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (2021-2030), coordinato da IOC-UNESCO

La giuria presieduta dalla giornalista green Diana de Marsanich, ideatrice del premio insieme alla presidente del Gist Sabrina Talarico, è composta dai giornalisti e soci Gist: Paola Babich, Elena Barassi, Chiara Bidoli, Raffaele D’Argenzio,
Isabella Goldmann, Elena Pizzetti,  Edoardo Stucchi, Ornella D’Alessio,
Marco Restelli e Micaela Zucconi.

Padrino del Green Travel Award 2022, Marco Maccarini, conduttore tv, speaker radiofonico, autore tv, appassionato di outdoor e cammini.

 

VINCITORI GIST GREEN TRAVEL AWARD 2022

 

– Parco Nazionale Gran Paradiso per la categoria  
Best Green Destination Italia.

Prima area protetta d’Italia, il Parco Nazionale Gran Paradiso, nel 2022 compie un secolo. Ha saputo valorizzare le tradizioni, le tipicità e l’economia del territorio e  promuovere l’attrattività e la riconoscibilità dell’area protetta a livello nazionale e internazionale, supportando e incentivando una migliore gestione da parte dei Comuni nel territorio del Parco e contribuendo alla crescita della qualità della vita delle comunità locali. Di grande valore, il marchio di qualità del Parco assegnato a operatori del settore turistico alberghiero, artigianato e agroalimentare impegnati in un percorso di qualità e sostenibilità, per garantire ai consumatori la provenienza dal territorio del Parco, la qualità delle lavorazioni, un’accoglienza all’insegna del rispetto per l’ambiente oltre che della cortesia e delle tradizioni locali.

 

-Austria Turismo per la categoria 
Best Green Destination Estero.

Paese modello per l’ambiente, pioniere del bio, ha favorito la diffusione delle energie rinnovabili, l’innovazione a basso impatto e un turismo nelle 9 regioni all’insegna della sostenibilità e della salvaguardia della biodiversità. La Strada alpina del Grossglockner – la cima più alta dell’Austria – ritenuta una delle strade panoramiche più belle d’Europa (lunga 48 chilometri) nel cuore del Parco Nazionale Alti Tauri fino a 2.571 metri di altitudine è diventata il primo circuito austriaco pensato specificatamente per le auto elettriche: 230 km in sintonia con l’ambiente. Di valore anche la regione Tirolo Kaunertal che si è aggiudicata il premio sulla sostenibilità del UNWTO – United Nations World Tourism Organization, nella sezione “Best Tourism Villages”.

 

-Azonzo Travel  per la categoria Best Green Tour Operator.

Icona nel settore dedicato al turismo sostenibile, attivo dal 2004, si avvale di partner locali, al fine di garantire che la ricchezza prodotta resti nel Paese di destinazione. Si assicura inoltre che le persone che lavorano per i propri partner in loco godano di buone condizioni lavorative. Chiude il cerchio proponendo, ovviamente, strutture e servizi a basso impatto ambientale. Tra i must, gli eco-safari in Tanzania.

 

Falkensteiner Family Resort Lido Alto Adige per la categoria 
 Best Green Family Hotel.

Premiamo l’hotel Falkensteiner Family Resort Lido Alto Adige– compagnia alberghiera dalle radici famigliari forti –  per il Rooftop Sky Adventure Park, destinato alla pratica degli sport per tutta la famiglia, costruito sul tetto del vecchio edificio per massimizzare gli spazi, la cucina olistica anti-spreco basata sulla scelta di prodotti regionali, (hanno detto no ai cibi delle multinazionali), il lago naturale, e l’Acquapura SPA, l’area wellness di 2.800 metri quadrati che offre un menù di trattamenti per tutta la famiglia. Apprezzata anche la presenza di colonnine di ricarica per i veicoli elettrici e la politica plastic free. Di grande valore anche la campagna educativa In Viaggio con Falky – la diversità è la bellezza d’Italia promossa da Falkensteiner Hotels & Residences, che coinvolge 13.000 studenti della Scuola Primaria.

 

Borgo Scopeto Wine & Country Relais, Toscana per la categoria 
 Best Green Accommodation Italia.

Premiamo il suggestivo borgo medievale restaurato dalla famiglia Gnudi Angelini, nel cuore del Chianti, per la ristorazione, basata sugli ingredienti a km 0, così come la Spa, che utilizza una propria linea di prodotti. Sottolineiamo anche il valore nella scelta di autodepurare le acque senza emissioni di CO2, l’utilizzo del fotovoltaico per scaldare la piscina interna e la flotta di colonnine elettriche per la ricarica delle vetture. Inoltre, è stato apprezzato il progetto di salvaguardia della biodiversità locale attraverso l’apicoltura e la presenza dell’orto che offre alla cucina ortaggi biologici in tutte le stagioni. A soli 10 km dal Relais, si trova Siena che, oltre a essere Patrimonio immateriale dell’umanità Unesco, è anche una provincia totalmente carbon neutral dal 2011.

 

– Soneva Fushi, Maldive per la categoria Best Green Accommodation Estero.

Premiamo il Soneva Fushi, nell’atollo di Baa, alle Maldive perché è un vero e proprio paradiso del green & blue e per gli sforzi portati avanti dai proprietari per far sì che le Maldive siano libere dalla plastica monouso. Abbiamo apprezzato la scelta di muoversi a piedi e in bici, i piatti biologi realizzati con prodotti locali e i progetti di conservazione delle mangrovie, della biodiversità marina e il riciclo dei rifiuti attraverso l’iniziativa Waste to Wealth.

 

– Pangkor Laut Resort, Malacca, Malesia, per la categoria Best Bio Spa

Pangkor Laut è l’isola dell’armonia, una delle migliori destinazioni benessere del mondo per la spa che abbina innovative terapie antistress ad antiche tecniche di massaggio orientale e per il contesto. Situata ad appena tre miglia dalla costa occidentale della penisola di Malacca, in Malesia, è un tuffo in un’infinità di delizie sensoriali, personalmente mai provate da nessun altra parte al mondo. Senza contare lo scenario meraviglioso della verdeggiante foresta pluviale dove è ubicata, a un passo dal mare.

 

– Tourism Seychelles, Premio Blu Menzione d’onore Decennio del Mare.


Il Decennio delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile,
istituito dalle Nazioni Unite dal 2021 al 2030 e promosso da IOC-UNESCO per mobilitare la comunità scientifica, i governi, il settore privato e la società civile intorno a un programma comune di ricerca e di innovazione tecnologica.

Premiamo i 5 pilastri della sostenibilità delle Seychelles:
1. Reduce, Reuse, Recycle- 2. Protect Wildlife, Flora & Fauna, 3. Reduce Water Consumption, 4. Energy Conservation, 5. Local Care & Fair Trade.
Le Sechelles, inoltre, hanno vietato la raccolta delle uova di  sterna Fuliggionosa, una delle misure messe in atto dal Ministero dell’Ambiente per garantire che la popolazione di rondini di mare delle Seychelles si riprenda. Di valore, la battaglia per la salvaguardia della tradizionale danza “moutya” delle Seychelles riconosciuta Patrimonio Culturale dall’UNESCO.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here