Grand Tour of Switzerland

0
1588

Grand Tour of Switzerland: il meglio della Svizzera in un unico itinerario di 1’600 km. Nasce la “Route 66” della Svizzera.

Una superficie di soli 40’000 km2 ma con un’immensa varietà di bellezze turistiche: è questo che rende la Svizzera così amata dagli ospiti di tutto il mondo. Il settore turistico ha ora lanciato un prodotto innovativo che riunisce, in un itinerario circolare, le attrazioni più rappresentative e i percorsi più suggestivi per raggiungerle.

Sono sempre meno gli ospiti che si accontentano di esplorare una sola destinazione per volta. Per questo in tutto il mondo i viaggi a tappe rappresentano una forma di turismo in forte crescita[1]. La Svizzera, con la sua ricchezza e la sua varietà di esperienze concentrate in uno spazio ristretto, è ideale da scoprire spostandosi da un punto all’altro.

Il Grand Tour of Switzerland permette di conoscere la Svizzera combinando tappe ed esperienze a proprio piacimento: l’itinerario si snoda su strade cariche di fascino attraverso 44 attrazioni, 22 laghi, 11 siti Unesco, 5 passi alpini che superano i 2’000 m, 2 biosfere e moltissime sorprendenti escursioni. Combina città e villaggi, luoghi di interesse culturale e bellezze naturalistiche. Tre percorsi introduttivi partono dalle località frontaliere di Basilea, Ginevra e Chiasso. Non sono solo dei punti di accesso ma già degli itinerari per conoscere alcune località di richiamo: Mendrisio e il Monte San Giorgio, patrimonio Unesco per i giacimenti fossiliferi; Ginevra, con il suo lungolago e le sue boutique; Basilea, capitale culturale della Svizzera con i suoi 40 musei e i suoi edifici all’avanguardia. Il Grand Tour prosegue poi in senso orario nelle 4 regioni linguistiche ma chi lo percorre può personalizzare l’itinerario in base ai suoi interessi e al tempo a disposizione.

Il Grand Tour si sviluppa prevalentemente su strade secondarie. L’autostrada è prevista solo in alcuni tratti. La Tremola, antica strada di valico del Passo del San Gottardo, è uno dei capolavori viari del XIX secolo. Si inerpica fino 2’109 metri girando su se stessa. Ancora oggi è lastricata con ciottoli in granito sul versante ticinese. Ugualmente spettacolare è guidare lungo il Passo della Furka – che collega il Canton Uri al Vallese – da cui si gode una magnifica vista sul ghiacciaio del Rodano. Da Thusis a Spluga, lungo la cantonale, si passa per la Viamala con le sue gole plasmate dal Reno. Un altro percorso da sogno è quello che costeggia il Lago di Lucerna da Greppen a Gersau passando per i villaggi di Weggis e Vitznau, ai piedi del Monte Rigi.

 

Lavori in corso: la segnaletica e le mappe su diversi supporti.

Per identificare facilmente il percorso, verrà predisposta entro la fine del 2016 la segnaletica – si tratta di segnavia turistica color marrone – su tutto il territorio nazionale. È stata realizzata un carta stradale del Grand Tour, in collaborazione con Hallwag, e verrà pubblicata a giugno 2015 l’edizione italiana della guida Routard.

Sul sito Svizzera.it/grandtour si possono scaricare le mappe Geotrail e i dati GPX dell’intero itinerario e dei percorsi introduttivi per il proprio dispositivo mobile. Un video interattivo fornisce un’anteprima virtuale del Grand Tour: si possono visionare i punti di interesse lungo il percorso, conoscere le distanze e i tempi di percorrenza, gli hotel lungo il Grand Tour (selezionati in base alla disponibilità dei parcheggi), le offerte prenotabili e altre informazioni utili per pianificare il viaggio.

 

Il Grand Tour in breve.

 

  • 44 attrazioni, di cui 11 patrimoni Unesco e 2 biosfere.
  • 22 laghi.
  • 5 passi alpini che superano i 2’000 m: Passo del San Gottardo (2’109 m), Passo della Furka (2’429 m), Passo della Flüela (2’383 m), Passo dello Julier (2’284 m), Passo del San Bernardino (2065 m).
  • Periodo consigliato: da aprile a ottobre.
  • Distanze:
  • Percorso principale: 1643 km.
  • Tappa introduttiva Basilea – Neuchâtel: 165 km.
  • Tappa introduttiva Ginevra – Saint-George: 53 km.
  • Tappa introduttiva Chiasso – Bellinzona: 109 km.
  • Punto più elevato: Passo della Furka (2’429 m).
  • Punto più basso: lago Maggiore (193 m).

 

Le offerte “Grand Tour”: alcune proposte.

 

A Vitznau

Il Flora Alpina, sul Lago di Lucerna, propone 1 notte in camera doppia con colazione e cena a 4 portate, parcheggio gratuito e wifi, accesso alla zona wellness e aperitivo di benvenuto. Prezzo a persona in camera doppia: da 152 euro. Validità: fino al 30 luglio 2015.

Per prenotazioni: www.floraalpina.ch

 

A Warth (vicino al Lago di Costanza)

L’offerta prevede 1 pernottamento nella Certosa di Ittingen, monastero certosino del XIII secolo, con mezza pensione, aperitivo di benvenuto e noleggio e-bike. Prezzo a persona in camera doppia: da 158 euro. Validità: fino al 30 luglio.

Per prenotazioni: www.kartause.ch

 

A Pontresina

Lo Sporthotel propone 2 notti in camera superior con trattamento di mezza pensione, noleggio mountain bike o e-bike, accesso alla zona wellness, snack e bevande da portare in viaggio e pass per i mezzi pubblici e gli impianti di risalita dell’Alta Engadina. Prezzo a persona in camera doppia: da 221 euro. Validità: dal 5 giugno al 24 luglio 2015.

Per prenotazioni: www.sporthotel.ch

 

Nella Regione di Friburgo

Il tracciato del Grand Tour, nella Regione di Friburgo, inizia sui vigneti del Mont-Vully, sul Lago di Morat. La strada prosegue fino a Friburgo, splendida cittadina medievale. Lasciata la zona urbana, ci si addentra nella Gruyère dove si produce l’omonimo formaggio. Il pacchetto, ideato dall’ente del turismo, include: 1 notte con colazione in uno degli hotel della regione, 1 degustazione di Nidelkuchen (torta alla panna) a Morat, 1 ingresso alla Maison Cailler a Broc, 1 ingresso alla Maison du Gruyère a Pringy, 1 ingresso al Castello di Gruyères. Prezzo a persona in camera doppia: da 95 euro. Validità: fino al 31 dicembre 2015.

Per prenotazioni: www.fribourgregion.ch

 

Info:

Svizzera.it

  1. verde 00800 100 200 30 (non ELIMINARE lo “00” iniziale)

info@myswitzerland.com

 

Social Media

Twitter: @myswitzerland_it

Facebook.com/switzerland

[1] Secondo il World Travel Trends Report 2013 (IPK International), tra il 2009 e il 2013 vi sarà una crescita del 27% su scala mondiale

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here