Estate 2011, exploit dell’Italia e crollo delle mete nordafricane

0
868

Testo di Maurizio Pavani 

 

Ecco l’ultimo studio di trivago sui trend delle ricerche hotel sul web: a livello internazionale, crolla il nordafrica; nel nazionale, la Toscana è la meta preferita; sono in calo Sardegna e Sicilia.

Colpa della crisi politico-sociale nel Maghreb, l’analisi riferita alle ricerche di soggiorni turistici tramite web mostra un’inevitabile crollo nei Paesi nordafricani come la Tunisia (calo del 75%), l’Egitto con -71% e il Marocco con -50%. Giocoforza è allora la crescita delle ricerche e presenze straniere verso "lo Stivale", meta preferita da tedeschi e francesi ma con Sicilia e Sardegna in netto calo rispetto alle altre regioni italiane. Questo è quanto emerge dall’ultima analisi di trivago Hotel Destination Trends (www.trivago.it – sito web leader in Europa per comparazione prezzi hotel) che ha analizzato l’andamento delle ricerche hotel nel 2010 in rapporto allo stesso periodo. L´estate si avvicina e gli italiani, almeno quelli che potranno permetterselo, sono pronti a pianificare le proprie vacanze estive alla ricerca della meta più congeniale con l’offerta migliore. Sempre più Italia quest’anno con un aumento dei contatti sul portale web di comparazione prezzi hotel trivago.it (tHDT), il trivago Hotel Destination Trends che ha messo a confronto le ricerche hotel per luglio/agosto 2011 rispetto a quelle della scorsa estate. Il 58% dei viaggiatori nazionali ha scelto destinazioni nostrane (il 5% in più rispetto al 2010). Rimini (90 € prezzo attuale per notte) è sempre in testa alla classifica delle mete marine più gettonate anche se in leggero calo rispetto all’estate scorsa (-4%). In flessione le localitá sarde e siciliane: Alghero (-47%, 109€), Lampedusa (-63%, 94€) mentre sono buone le performance delle mete campane: Ischia (+27%, 114€) e Sorrento (+21%,144€). Da segnalare il boom delle ricerche per la Toscana (Viareggio +53%, 112€) e Veneto (Jesolo +39%, 104€); buon andamento anche per l’Elba (Capoliveri +26%, 107€), Puglia (Gallipoli +21%, 104€), Abruzzo (Pescara +21%, 91€), Liguria (Alassio +11%, 141€) e per la Sicilia con la sola Taormina al +9% con 171€, segno di un turismo medio-alto che per "la perla" dell’isola non conosce rallentamento. Dati non positivi per il Veneto (Lignano Sabbiadoro -52%, 110€), Calbria (Tropea -27%, 77€) ed Emilia Romagna (Riccione -14%, 109€). La Toscana in cima alle ricerche statistiche; la Sardegna -40%. Ecco la top-list delle 10 regioni meglio classificate nel 2011/2010: al primo posto la Toscana (seconda nel 2010); seguono Lazio in seconda posizione (3^ nel 2010), Emilia Romagna (1^ nel 2010), Veneto (5^), Campania (8^), Sicilia (4^), Lombardia (9^), Liguria (7^), Puglia e Sardegna, rispettivamente in 10^ e 6^ posizione nella scorsa stagione. Questa estate, 1 italiano su 8 sceglierà la Toscana che si conferma regione più ricercata sul network, in aumento rispetto alla scorsa estate quando era alle spalle dell’Emilia Romagna e del Lazio. Se quest’ultima registra comunque un trend positivo rispetto al 2010, le mete romagnole sono in leggera flessione. Buono l’andamento al centro nord di Veneto, Lombardia e Liguria che registrano aumenti a doppie cifre delle ricerche hotel, mente al sud la Puglia è l’unica regione col segno positivo. Preoccupano le flessioni di Sicilia (-26%) e Sardegna (-40%) che sembrano risentire del "caro traghetti" (con costi lievitati anche del 100% e 150%) e degli effetti della crisi Mediterranea anche per il mercato nazionale. Per quel che riguarda invece la presenza dei turisti stranieri in Italia, quest’estate i flussi del basso mediterraneo sembrano essersi spostati a beneficio della Sardegna: nell’isola si registra a maggio un aumento delle ricerche su web del 20% nel mercato tedesco e del 15% in quello francese. Non sono solamente gli italiani che stanno scegliendo le mete nazionali per le proprie vacanze estive dal momento che sono in aumento anche le ricerche Hotel verso la nostra Penisola da importanti mercati europei, Germania su tutti. L’Italia affianca la Spagna in cima alle preferenze dei turisti tedeschi. In aumento anche le ricerche web dalla Francia e dalla Spagna. Leggera flessione dell’interesse degli Inglesi che prediligono le destinazioni iberiche. Crollo generalizzato delle ricerche web verso le principali mete nordafricane, storicamente gettonate da molti viaggiatori europei. La Tunisia registra un calo del 75% rispetto allo scorso anno; l’Egitto una flessione del 71% mentre il Marocco una diminuzione del 50%. Per le mete internazionali, resta da capire quanto il segno negativo stagionale sulle prenotazioni sia pressoché confermato mentre per le mete italiane isolane si attendono nuovi sviluppi con l’avvicinarsi delle settimane estive: in genere, per le mete a breve raggio, si tende a prenotare anche sotto data, in attesa delle migliori occasioni e offerte lastminute. Per informazioni: www.trivago.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here