27.1 C
Milano
domenica, Luglio 14, 2024

Accordo fra Scalapay e Federlaberghi per il “soggiorno a rate”

Il progetto di un soggiorno in hotel per la propria vacanza avrà, da oggi, un appeal differente grazie al nuovo accordo siglato tra Scalapay e Federalberghi.

Con la formula che rateizza in 3 tranche il costo della sistemazione in hotel, la scelta della struttura ricettiva avrà più peso nella programmazione del viaggio.

In questo periodo caratterizzato dal consistente aumento dei costi e contemporaneamente di minore disponibilità di spesa, il tema di agevolare i pagamenti anche attraverso nuovi sistemi digitali e accessibili è diventato un elemento ormai essenziale, in particolare per ciò che riguarda la fascia di età che va tra i 18 ed i 40 anni.

Scalapay, nel 2021, ha effettuati una ricerca su un campione di 10mila  persone. Ne è emerso che l’84% si dichiarava disposto ad aumentare i giorni di soggiorno se vi fosse stata la possibilità di pagare l’importo totale almeno in 3 rate.

La nuova partnership tra Scalapay – società attiva nel buy now pay later – e Federalberghi – federazione degli albergatori italiani –  rappresenta dunque un passo decisamente importante per attrarre un cliente che oggi richiede di prenotare in modo flessibile e rapido, e rappresenta un vantaggio per l’albergatore che avrà la possibilità di ricevere immediatamente la somma totale del soggiorno programmato nella propria struttura.

Scalapay
Matteo CIccalè

Grazie alla convenzione siglata con Scalapay infatti, Federalberghi offre in primis la possibilità per le sue strutture ricettive di cedere il credito –  a condizioni agevolate – vantato nei confronti del cliente, mentre l’albergatore potrà ricevere immediatamente l’intero importo, senza dover attendere che il cliente effettui il pagamento delle rate e senza doversi preoccupare di eventuali insoluti, “free of concerning”.

«Collaborare con Federalberghi significa avere un canale di ascolto delle esigenze di oltre 27mila  strutture ricettive sul territorio nazionale, ma anche mettere a disposizione degli albergatori un potenziale di clientela che supera oggi i 2,5 milioni in Europa – commenta Matteo Ciccalé, partnerships director travel di Scalapay – Per questo, assieme, rispondiamo alla necessità dell’ospitalità di una nuova modalità di pagamento rateizzata, senza interessi, che elimina qualsiasi onere d’incasso alla struttura e al contempo apre un nuovo canale di acquisizione clienti per aumentare le vendite dirette».

Scalapay
Bernabò Bocca

Gli fa eco Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi «Abbiamo siglato questo accordo nella piena convinzione che rappresenti un valore aggiunto per la nostra clientela che nella struttura ricettiva cerca sempre più servizi e facilitazioni, oltre che per i nostri associati. Dal punto di vista dell’albergatore, ci si sentirà in parte alleviati da aspetti burocratici finanziari che spesso ci sottraggono energia e tempo da dedicare, invece, all’operatività ed alla funzionalità delle nostre imprese. Con questa iniziativa si è aperta una nuova strada verso la semplificazione, e sono certo che la formula sia vincente».

Massimo Terracina
Massimo Terracina
Giornalista dal 1987 si è sempre occupato di sport e turismo, con incursioni su radio e tv. Ha sempre la valigia pronta per esplorare il mondo, inesauribile fonte di spunti. Viaggiare allarga la mente. "State viaggiati" (con licenza)

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles