20.9 C
Milano
domenica, Luglio 14, 2024

Il turismo religioso in Terra Santa torna a sperare

Le strade di Betlemme sono pressocché deserte, poco traffico e negozi chiusi.  “Because no tourists, a big problem. Eight months, no life!” È perché non ci sono turisti, spiega il taxista, ed è un grosso problema: da otto mesi non c’è vita. E quindi quando arrivano i pellegrini del nord Italia guidati dal Cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Cei, sono accolti come una vera  rarità di questi tempi così difficili.

“You made it- Ce l’avete fatta”, è il benvenuto di tutti gli operatori turistici in israele e Palestina, agenzie viaggi, Guide, ristoratori, albergatori taxisti, negozianti e semplici cittadini lungo le strade    

Turismo
Andrea Babbi consegna il Parmigioano assieme al Cardinale Zuppi

«Un viaggio in Terra Santa, in tempi di guerra, sembrava difficile in Italia, ma ancora di più impossibile in Israele e in Palestina – spiega Andrea Babbi Vice presidente Nazionale Fiavet e Presidente di Petroniana Viaggi – Trasportate in sicurezza 161 persone con un ponte aereo da 7 città italiane , 84 da Bologna , gli altri  da  Milano Roma Venezia Catania Genova e Bari. Dopo soli  40 giorni di preparazione,  sono stati 4 giorni senza sosta con 32 incontri diversi organizzati, ogni giorno avevamo sempre il piano B, sempre pronti a riprogrammare viaggi e spostamenti. Il Santo Sepolcro e la Natività di Betlemme ed ogni luogo santo,  erano deserti, solo per noi, comodo, ma doloroso allo stesso tempo vedere questo, negozi chiuse alberghi aperti solo per noi,  tutti increduli e commossi quando ci abbracciavano».

«Dal 7 ottobre la Terra santa ha sofferto la mancanza dei pellegrini che per la popolazione locale sono il sostegno più importante non solo a livello economico ma anche spirituale, fanno sentire vicinanza e interessamento della Chiesa verso la Chiesa madre di Gerusalemme» spiega Padre Nicholas Marques, francescano della Custodia di Terra santa che accompagna spiritualmente i pellegrini.

Turismo
La funzione con il Cardinale Zuppi e Mons. Pizzaballa

Due mesi fa la domanda, i dubbi erano: ma si può fare? Ma dove andate? Perché proprio adesso? E, soprattutto, Non è sicuro!
«Invece si è messa in moto una macchina complessa “e lo abbiamo fatto: essere stati qui è la dimostrazione che si può fare e si deve continuare – continua Babbi – È diventato un pellegrinaggio apripista e ora fa sperare, non solo chi in Israele e Palestina è senza lavoro da mesi, ma anche tutte le agenzie di viaggio italiane che lavoravano con terra Santa. È stata una responsabilità coraggiosa che ci siamo assunti per tutta la filiera , italiana ed estera. Per il turismo italiano, questo pellegrinaggio è stato importantissimo. Come Fiavet abbiamo aiutato e assistito tutte le agenzie che dopo il 7 ottobre si sono trovate a zero” e ora si può avere “coraggio”, in Israele come in Italia si è toccato con mano che è possibile” riprendere i viaggi nonostante tutto». 

«Mettere in piedi il pellegrinaggio – aggiunge Babbi – è stato più bello che difficile, c’è voluto un mese e mezzo e tanta pazienza, non c’erano i voli né le condizioni assicurative, abbiamo dovuto creare tutto assieme ai partner con tanta collaborazione della filiera del turismo e tanto entusiasmo qua. Il turismo aiuta sempre la Pace , la conoscenza e il dialogo tra popoli e persone, e senza questa ripartenza la pace sarà più lontana».

turismo
Nelle strade deserte le persone si fermavano per ringraziare i turisti della loro presenza

Dice ad esempio Nader Touma, che ha guidato il Cardinale Zuppi e i Bolognesi: «Siamo a casa da otto mesi, senza lavoro, e quasi non ci credevamo all’idea di vedere arrivare un gruppo così grande, è stata una sorpresa che ci ha dato una speranza, grati e commossi di abbracciare gli amici di Petroniana, ce ne ricorderemo»! 

E gli incontri con la gente locale hanno potuto mostrare ai pellegrini la sofferenza del popolo, anche questo è un aiuto. Mettiamo tutto nelle mani del Signore, ma ora speriamo di poter tornare a lavorare. “Sono state viste tante cose e toccate con mano non solo pietre antiche ma pietre vive”, riassume Fadi Nazzal della TESCO

Turismo
Cardinale Zuppi consegna icona Madonna San Luca a Theofilos III patriarca greco ortodosso

Mons. Ottani vicario di Zuppi a Bologna ha sottolineato che : «Il pellegrinaggio ha significato anche portare non solo dei turisti, ma anche aiuti: si prevede che cresceranno ancora, ma in occasione del viaggio sono stati raccolti oltre 60mila euro, una cifra ingente da distribuire a tutte le comunità visitate, con una attenzione particolare a Gaza e al Patriarcato latino di Gerusalemme, un grazie alle persone e parrocchie ma anche ai Salsamentari di Bologna donando il  Parmigiano Reggiano che parla di Bologna e della nostra terra di Pace, Dal patriarca di Gerusalemme Card. Pizzaballa a Padre  Patton Custode di T. S. , ai genitori degli ostaggi israeliani,  ai parroci dei Territori palestinesi , Tutti hanno espresso grande sorpresa e apprezzamento per l’omaggio inatteso e simbolico,  ora introvabile. Un pezzo della nostra terra ospitale per ricordare loro la nostra fratellanza e amicizia».

Massimo Terracina
Massimo Terracina
Giornalista dal 1987 si è sempre occupato di sport e turismo, con incursioni su radio e tv. Ha sempre la valigia pronta per esplorare il mondo, inesauribile fonte di spunti. Viaggiare allarga la mente. "State viaggiati" (con licenza)

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles