Uzbekistan: non serve più il visto per i turisti italiani

0
362

di Ada Mascheroni

 

Secondo il D.P.R. “Sulle misure aggiuntive per lo sviluppo accelerato del turismo nella Repubblica dell’Uzbekistan” approvato il 5 gennaio 2019 dal 1° febbraio 2019 entra in vigore il regime senza visto per il soggiorno di 30 giorni per i cittadini di 45 Stati, inclusa l’Italia.

Il regime senza visto si applica ai cittadini di 45 paesi, titolari di qualunque tipologia di passaporto (diplomatico, di servizio, ordinario) per un soggiorno fino a 30 giorni sul territorio della Repubblica dell’Uzbekistan, indipendentemente dallo scopo di viaggio. Per entrare in Uzbekistan i cittadini stranieri devono essere muniti del passaporto nazionale in corso di validità o di un documento sostitutivo valido per i viaggi all’estero.

Per un soggiorno superiore al periodo di 30 giorni in Uzbekistan, i cittadini stranieri devono presentare i documenti necessari per la richiesta del rilascio del visto d’entrata idoneo allo scopo del viaggio.

Inoltre, sempre dal 1° febbraio 2019 si estende e si approva un unico elenco di 76 paesi i cui cittadini possono richiedere il visto d’entrata elettronico. Il visto d’entrata elettronico si rilascia esclusivamente ai cittadini di paesi stranieri e non si applica agli apolidi residenti sul territorio dei paesi indicati.

Dal 15 marzo 2019 si attivano i visti d’entrata elettronici per un soggiorno di 30 giorni con due entrate e entrate multiple.

– due entrate – 35 euro di diritti consolari;

– entrate multiple – 50 euro di diritti consolari.

Si prevede inoltre di introdurre gradualmente le nuove tipologie di visto d’entrata (sticker da applicare, non elettronico) per alcuni cittadini stranieri.

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here