Turismo, Travel Trends 2021

0
482

Turismo, Travel Trends 2021: da staycation a workation, ecco come si viaggerà secondo Volagratis.com

 

Nel 2020 l’emergenza sanitaria ha sconvolto tutti i piani, portando a rivedere i programmi di viaggio e la stessa possibilità di spostarsi in alcuni momenti dell’anno. Inevitabilmente, è stato un anno difficile per tutto il settore del turismo: basti pensare che, secondo Volagratis.com, quest’estate il calo delle prenotazioni è stato del 45% rispetto all’anno precedente. Complicato dunque, in questo momento, fare previsioni accurate relative alle destinazioni e individuare dove andrà a concentrarsi l’interesse dei viaggiatori nel 2021.
“Tuttavia, abbiamo notato come la resilienza dei viaggiatori e la loro capacità di adeguarsi alla situazione abbiano portato a nuove abitudini e tendenze che stanno influenzando il settore dei viaggi e che potranno svilupparsi e rafforzarsi durante il 2021”, spiega Andrea Bertoli, COO di lm group. “Gli italiani non vogliono rinunciare a viaggiare e lo faranno in sicurezza, con modalità e tempi rinnovati, ma sempre con la voglia di scoprire nuovi luoghi, anche vicino casa”.

È emerso quindi con forza il fenomeno della “staycation”, la vacanza vicino casa, che ha portato gli italiani a riscoprire la propria città e i dintorni, o anche quello della “workation”, con i lavoratori da remoto che appena possono scelgono un luogo di villeggiatura da cui mandare mail e fare video call. Nuove abitudini che caratterizzeranno i viaggi del prossimo anno e che porteranno enti turistici, compagnie aeree, hotel e strutture ricettive ad adattarsi di conseguenza.

Proprio analizzando i comportamenti e le preferenze degli italiani negli ultimi mesi, Volagratis.com ha individuato i sei travel trends che saranno protagonisti nel 2021: perché l’importante è non smettere mai di scoprire, adattandosi al cambiamento.
Staycation: viaggiare “in casa”, o quasi

Godersi un soggiorno di lusso o sentirsi turisti, anche nella propria città o negli immediati dintorni, per staccare la spina dalla routine quotidiana e allontanare lo stress: è il concetto alla base della “staycation”, la vacanza dietro casa o appena fuori porta. Un fenomeno che è esploso quest’anno in seguito alle restrizioni imposte dall’emergenza sanitaria, che hanno portato ad una diminuzione dei viaggi aerei. Gli italiani hanno scelto di viaggiare “in casa” e a “corto raggio”, spostandosi soprattutto in auto o in treno, e rimanendo tra i confini della propria regione o – addirittura – della propria città, facendo così registrare trend positivi per le sole prenotazioni alberghiere.

A dimostrarlo anche i dati registrati quest’estate da Volagratis.com: l’Italia – insieme alla Spagna – ha puntato molto sul turismo domestico, passando dal 36% al 54% di viaggiatori che hanno scelto di rimanere tra i confini nazionali. Non a caso, gli hotel hanno segnato una crescita del 9% rispetto all’anno precedente. In Francia la crescita relativa ai viaggi “in casa” è risultata più contenuta (dal 21% al 33%) mentre in Germania e Gran Bretagna si è segnalata una diminuzione: nel primo caso si è passati dal 12% al 10%, mentre nel secondo caso dal 21% al 18%.

Un trend, quello della staycation, che ci accompagnerà nel prossimo anno perché, in fondo, l’importante non è quanto si va lontano, ma quello che si scopre!
Il ritorno del last-minute

Meno attese, ricerche e indugi nelle prenotazioni: tornano a trionfare le vacanze last-minute. La situazione di incertezza dell’ultimo anno ha portato i viaggiatori ad approfittare dei periodi di maggiori tranquillità o delle revoche di limitazioni agli spostamenti, così, non appena se ne presenta l’occasione, si cerca la migliore offerta e si prenota rapidamente, anche per partire il giorno successivo.


Volagratis.com, ad esempio, ha registrato che le prenotazioni degli italiani sono state di 12 giorni più vicine alla partenza rispetto al 2019, quando sicuramente c’era più tranquillità nell’organizzare in anticipo le vacanze. Una tendenza che secondo Volagratis.com continuerà ad accompagnarci nel 2021 e che richiederà anche un adattamento al trend da parte di alcune strutture ricettive generalmente abituate a gestire le prenotazioni con largo anticipo.

 

Lontani dalla folla

Il concetto del “distanziamento sociale” è stato un vero e proprio leit motiv durante il 2020 e probabilmente continuerà ad esserlo anche nel 2021. Questo ha fatto sì che venissero privilegiate le vacanze “lontane dalla folla”, ad esempio in destinazioni spesso solo sfiorate dai classici itinerari turistici o immerse nella natura.

Si prevede ad esempio la valorizzazione dei borghi, delle località di lago e della montagna, tra itinerari e paesi immersi nella natura. In particolare, l’interesse degli italiani per le destinazioni ad alta quota è già emerso questo autunno, con un aumento delle ricerche su Volagratis.com del 39% rispetto allo stesso periodo del 2019.

 

In gruppo o in famiglia: nel 2021 si viaggia insieme

Nel 2020 feste, matrimoni e grandi eventi sono stati annullati, così come i viaggi di gruppo, con la famiglia o con gli amici: coppie e single hanno rappresentato l’80% delle prenotazioni. Per il 2021 l’aspettativa – e la speranza – è quella di una crescita delle prenotazioni di gruppo, per ritrovarsi con gli amici in qualche parte del mondo, cosa che non è stato possibile fare nel 2020.

Accanto a questi, spiega Volagratis.com, saranno di tendenza anche i viaggi familiari multigenerazionali, in compagnia di amici e parenti più stretti: perché in fondo l’importante non è dove si va, ma con chi si parte!


Viaggiare lentamente

Il 2020 ha di fatto costretto le persone a rallentare e a rivedere i propri ritmi. Nei viaggi, questo ha significato l’emergere del cosiddetto “slow travel”, il turismo lento: viaggiare lentamente significa prendersi il proprio tempo per immergersi nella cultura e nella tradizione di un luogo, spostandosi anche a piedi o in bicicletta e senza spostarsi da un posto all’altro, privilegiando ad esempio soggiorni più lunghi. Un segnale interessante in questo senso arriva proprio da Volagratis.com: la durata dei viaggi risulta in media più lunga rispetto allo scorso anno (per i voli si passa da da 4,26 a 4,47 giorni, per “volo+hotel” da 5,43 a 6,62, per “solo hotel” da 2,09 a 2,65).

 

Workation: lavorare in vacanza

La chiamano “workation” ed è la nuova tendenza di viaggio emersa nel 2020 che ci accompagnerà anche nel prossimo anno: significa unire l’utile al dilettevole e lavorare da remoto in un luogo di vacanza. Che sia al mare o in montagna, l’importante è avere a disposizione un hotel o un resort con servizi digitali evoluti e stanze che permettano di rimanere connessi h24 per mandare mail e fare videocall ma godersi poi, una volta chiuso il computer, una passeggiata all’aria aperta in un luogo da sogno. Molti alberghi e strutture ricettive si stanno già attrezzando per queste necessità e per offrire anche nei prossimi mesi servizi dedicati a chi vuole lavorare sentendosi un po’ in vacanza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here