Tunisia. Viaggio nel Grande Erg Orientale: dalle carovane beduine al glamping

0
119

La Tunisia è il paese più settentrionale del continente africano. I territori dalle terre particolarmente fertili e una lunga lingua di costa sono affiancati da uno dei paesaggi più suggestivi al mondo: il deserto del Sahara. Al deserto della Tunisia si accede tramite “la porta del deserto”, meglio conosciuta come Douz.

Douz è l’oasi più grande e antica della Tunisia e si trova nella regione più a sud del paese. A ridosso delle enormi distese di dune del Sahara, Douz è costeggiata da alberi da frutto, in particolare palme da dattero, motivo di floridità economica durante i secoli.

Ancora oggi, in questa cittadina del Nordafrica, vivono i M’razing: comunità nomade di pastori del deserto. Douz è nota anche per il Souq, il mercato cittadino, unico nel suo genere, con pezzi d’artigianato locale e prodotti tipici come frutta e spezie.

Douz non è soltanto l’accesso al deserto di sabbia. Da qui si accede anche alla superficie cristallina di Chott El-Jerid, il lago salato della Tunisia che si presenta come una forte depressione del terreno. Esteso per oltre 5000 km², il lago raggiunge il punto di confine tra dune sabbiose e rocciose dove si trova la splendida oasi di Ksar Ghilane.

Situata nel Grande Erg Orientale, la parte centrale del deserto del Sahara, Ksar Ghilane è alimentata da una sorgente di acqua calda termale dove è possibile fare il bagno.

Per vivere a pieno l’esperienza del deserto si può optare per diverse soluzioni: gli amanti dell’avventura possono scegliere di addentrarsi tra le dune del Grande Erg assieme ad una vera e propria carovana, caricando tende, viveri e acqua a dorso dei dromedari e vivere, per qualche giorno, come le tribù nomadi del deserto.

Invece se si desidera stare a contatto con la natura senza rinunciare alle comodità e agli agi, si può prediligere il glamping: tra Douz e Ksar Ghilane sorgono dei veri e propri accampamenti, campeggi o hotel dotati di tutti i comfort, ecosostenibili, nati dall’unione dei concetti di glamour e camping. Fenomeno degli ultimi tempi, il glamping è ormai un trend a livello mondiale.

Il Camp Yadis Ksar Guilane di Ksar Ghilane gode di una posizione unica e strategica nell’oasi. Le tende sono costruite in pietra e lino, secondo la tradizione beduina. I sessanta alloggi sono dotati di tutti i comfort, tra cui una grande piscina in cui rilassarsi durante questo soggiorno suggestivo. Gli ospiti potranno inoltre scegliere se assaporare i gusti decisi del sud della Tunisia con una selezione di piatti tipici del territorio, o preferire le ricette più classiche della tradizione Mediterranea. Tra le attività proposte dal Camp, oltre ai trattamenti di benessere dell’Hammam, numerose camminate ed escursioni in jeep o cammello tra le dune di sabbia e tra i più interessanti siti storici e culturali.

Nel cuore del Grand Erg Orientale da cui si può ammirare il Monte Timbaine sorge Camp Mars. Rinomato glamping tunisino, si presenta come un vero e proprio accampamento berbero dotato però di tutte le comodità e del glamour dell’hotellerie contemporanea. Durante il soggiorno al Camp Mars si potrà scegliere di partecipare ad escursioni e trekking che prevedono durate e difficoltà differenti: dal Soft Trek su dromedari a camminate più impegnative tra fiori del deserto e saliscendi piuttosto impegnativi. Per gli amanti della musica, Camp Mars organizza anche eventi musicali che in mezzo al deserto hanno un fascino particolare. Inoltre, tra le proposte culinarie, al Camp Mars non mancherà di assaggiare la pasta di datteri marfoussa e il pane del deserto cotto nella sabbia: i piatti tipici della tradizione nomade.

Il deserto è molto più di quello che si immagina: un mondo, nascosto tra le dune, tutto da scoprire!

Per maggiori informazioni, visitate il sito www.tunisiaturismo.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here