Rimini: non soltanto bagni e piadina

0
308
Rimini, Ponte di Tiberio. foto di Emilio Salvatori

di Edoardo Stucchi

 

L’estate è finita, ma a Rimini la vacanza non finisce mai perché le proposte vanno oltre i bagni e l’enogastronomia: cultura, benessere, sport e lifestyle sono al centro della nuova proposta inno vativa di VisitRimini tutto l’anno.

 

 

Rimini non è soltanto mare, perché sia la città, sia il suo entroterra hanno molto da offrire anche dopo l’estate. Innanzitutto una città aperta tutto l’anno, ben collegata, che garantisce servizi senza soluzione di continuità, dove c’è vita anche in pieno inverno e dove la proverbiale accoglienza romagnola non viene mai meno. Il paragone con Miami è sotto gli occhi di tutti, soprattutto in questa stagione, dove la vacanza si è trasferita dalla spiaggia alla città, due entità separate da un parco verde del mare dove la passeggiata è rialzata rispetto al piano stradale e alla spiaggia, che è ormai soltanto un ricordo”Ma è tutto pronto per accogliere i turisti anche in questa stagione, fino all’estate prossima, – ha detto Valeria Guarisco, destination manager di VisitRimini- alla conferenza stampa nel corso della Fiera del turismo (TTG) conclusasi nella città romagnola venerdì 16 ottobre. ‘VisitRimini lancia il progetto Rimini oltre l’estate – ha aggiunto Valeria Guarisco – perché ormai Rimini non è più solo destinazione balneare ed è il momento di comunicarlo in modo concreto, attraverso proposte di vacanze acquistabili direttamente online per rispondere alla domanda, frequente sui social media, che cosa si può fare a Rimini durante l’anno?”

Destinazione perfetta – Rimini è una destinazione perfetta per un break durante l’anno, dove arte, cultura, wellness, borghi antichi, tipicità enogastronomiche, divertimento, mare, sport, negozi di qualità e ampi spazi a contatto con la natura fanno da scenario alle esperienze più autentiche dentro e fuori dal centro storico riminese che, mai come quest’anno, è diventato il fulcro d’interesse per i turisti italiani e stranieri che hanno popolato Rimini anche in una situazione di emergenza sanitaria determinata dal coronavirus.

Rimini, Castel Sismondo

L’offerta culturale – Rimini non è soltanto mare, perchè ci sono le novità che negli ultimi anni hanno rafforzato la qualità della proposta turistica riminese: il Museo d’Arte Contemporanea PART, inaugurato il 24 settembre scorso, la Piazza sull’acqua, ricavata dalla riqualificazione dell’area attorno al bimillenario Ponte di Tiberio, la realizzazione del Parco del Mare, il waterfront di 15 chilometri (ancora in parte in fase di realizzazione) che ricostruisce la duna, con la vegetazione tipica, i percorsi pedonali e ciclabili, i salotti e le isole wellness; il restauro filologico dell’ottocentesco Teatro Galli, l’estensione delle piste ciclabili fino a contare 120 chilometri che collegano la città all’entroterra, la tutela del mare con il Piano di Salvaguardia della Balneazione Ottimale che è  stato inserito tra le best practise dell’agenda 2030 dell’ONU, la celebrazione della figura di Federico Fellini, in occasione del centenario della nascita, con il recupero del Cinema Fulgor, il Museo internazionale a lui dedicato che sarà inaugurato nei prossimi mesi nel medievale-rinascimentale Castel Sismondo e la Piazza dei Sogni in fase di realizzazione.

 

Rimini, Parco XV Aprile, Ponte Tiberio

 

Insomma, una città dove è facile programmare una breve vacanza, per rilassarsi, divertirsi, praticare sport e… innamorarsi. Qualunque sia la motivazione di viaggio, Rimini ha una proposta adeguata a soddisfarla, perché offre il meglio dell’Italia in pochi chilometri, dagli Appennini al Mare Adriatico, in quella “Romagna solatia, dolce paese” cantata dal poeta (Giovanni Pascoli), che non ha mai perso il suo fascino. E la stagione appena conclusa ne è stata la riprova.

Rimini. Grand Hotel

La campagna promozionale è stata anticipata da un’iniziativa speciale che è il Foto contest online #Riminilifestyle, aperto da agosto a fine ottobre, nel quale i partecipanti (oltre 600 per ora) stanno ritraendo Rimini con le luci dell’autunno, per restituire le immagini fresche e spontanee che potranno essere riproposte nel corso della campagna. La prima azione promozionale di Rimini oltre l’estate è stata avviata a metà settembre, con la campagna stampa e social media sullo smart working, che è una modalità inedita di vivere Rimini tutto l’anno, per la quale molte strutture si stanno attrezzando. Le card – Altri progetti speciali saranno lanciati nelle prossime settimane: le visit card, volte a valorizzare altrettante eccellenze: l’arte, l’entroterra e la tipicità dello stile riminese. Rispettivamente Art card con i percorsi museali e le esperienze culturali, la Country card con le visite alle rocche e grotte dell’entroterra, la Style card (di cui oggi offriamo un’anteprima), con un circuito di sconti presso negozi di abbigliamento e oggettistica, ristoranti, bar, pasticcerie, librerie, profumerie e le terme cittadine selezionati tutti per la loro tipicità.

Rimini, kitesurf

Particolarmente innovativo poi è Tu che Rimini Sei? Un format di promozione turistica costruito su una strategia di matching tra i viaggiatori e la destinazione che si basa sulle leve motivazionali del gioco a quiz e della condivisione del risultato sui social, che sarà lanciato attraverso una strategia di influencer marketing che durerà un anno.

Il progetto Rimini oltre l’estate, si protrarrà fino alla prossima primavera e incrocerà la realizzazione del nuovo portale visitrimini.com. L’innovazione turistica è nel DNA di Rimini… a partire dal lontano 1843, con l’apertura del primo stabilimento balneare. Lo ha confermato l’Assessore del Comune di Rimini, Gianluca Brasini con deleghe al bilancio, patrimonio, sport, fundraising e rapporti con le società partecipate, dicendo: ‘Oggi abbiamo tutti gli elementi per lavorare sulla destinazione perché abbiamo ampliato la gamma di prodotti: i nuovi contenitori culturali, gli impianti sportivi, il quartiere fieristico e il Palacongressi. Siamo pronti a fare quello che avevamo in animo da tanti anni, ovvero destagionalizzare. Non è solo un tema di competitività, è una questione di diluire nel tempo e nello spazio le presenze per rendere più strutturale l’offerta, creando valore anche per i lavoratori del settore. Il dato da cui partiamo è che il sistema per ora ci ha creduto e ha reagito.’

Rimini, Murales a Borgo San Giuliano

Questo progetto, anzi questa innovazione- ha detto Chiara Astolfi, direttore della Destinazione turistica della Romagna – sarà un invito a innovarsi per tutta la costiera. ‘Rimini ha dimostrato capacità di reagire e di innovare e questo progetto va in quella direzione: migliorare la fruizione del territorio attraverso l’innovazione di prodotto. Noi abbiamo il compito di mettere assieme servizi, territorio e programmi, promuovendo una proposta nuova’.

Info: www.visitrimini.com

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here