Oslo Capitale verde d’Europa 2019

0
847
Credits VISITOSLO_Didrick Stenersen

Oslo è una città vivace e in continuo cambiamento, che fa della sostenibilità la sua bandiera. Il suo essere green sotto molteplici aspetti le è valso il prestigioso riconoscimento di European Green Capital 2019 da parte della Commissione Europea.
Il nuovo quartiere Vulkan, ex area industriale vicino al fiume Akerselva, è un esempio di pianificazione urbana eco-friendly: è infatti efficiente dal punto di vista energetico, ha una centrale di energia solare con geopozzi, edifici con un pannelli solari per il riscaldamento dell’acqua e hotel che sfruttano l’energia prodotta da refrigeratori e ascensori. Le nuove sedi – attualmente in costruzione – del Munch Museum, della biblioteca Deichman e del National Museum sono state progettate per essere ecosostenibili e minimizzare le emissioni di carbonio.
La tutela della natura e dell’ecosistema di Oslo è al centro della pianificazione territoriale della città. Grandi sforzi sono stati compiuti per riconvertire le strutture esistenti in modo intelligente. Nel quartiere di Sørenga quello che un tempo era un ponte molto trafficato è stato trasformato in un parco, un po’ come l’Highline di New York, entrambi esempi di vecchie strutture riqualificate e destinate a nuovo uso in aree ipermoderne.
Oslo risulta essere la prima città al mondo per auto elettriche (quasi il 50% delle auto vendute nel 2018 è elettrica o ibrida), ed entro il 2019 si vuole addirittura renderla città “car-free”. Per scoraggiare l’uso delle auto a favore di bici e mezzi pubblici l’amministrazione locale ha limitato il traffico e ridotto drasticamente i parcheggi a favore di piste ciclabili, aree verdi e spazi ricreativi. Vicino alla Fortezza di Akershus, ad esempio, quello che era un parchimetro è diventato un altoparlante wi-fi utilizzabile da chiunque, e il parcheggio una perfetta pista dove scatenarsi con gli amici. La rete di trasporti pubblici cittadini è efficiente e capillare, e include barche, metro, tram, autobus (nei prossimi anni ne entreranno in servizio 70 elettrici) e city bikes.
A rendere Oslo sempre più verde non sono solo le scelte del comune, ma anche una miriade di progetti e iniziative ecosostenibili nate dalla volontà dei cittadini. Nel cuore della città, non lontano dalla stazione centrale, sorge Losæter, una fattoria con orto e campi di grano, perfetto esempio di agricoltura urbana.
Anche le strutture ricettive e i ristoranti di Oslo stanno diventando sempre più rispettosi dell’ambiente.Si trovano infatti numerosi hotel che vantano certificazioni di sostenibilità ambientale, ottenute grazie al rispetto di una serie di rigorosi requisiti in materia di energia, acqua e gestione dei rifiuti. Sempre più ristoranti inoltre offrono menù green a base di prodotti locali e biologici, uno tra tutti è il prestigioso tre stelle Michelin Maaemo. Nel centro di Oslo, addirittura, è stato aperto un ristorante, Rest (che in norvegese significa “avanzi”), che trasforma gli ingredienti “imperfetti” scartati dalla grande distribuzione in piatti raffinati.

Per informazioni su ristoranti, alloggi e attività green ad Oslo:
www.visitoslo.com/it/la-tua-oslo/la-oslo-verde/

Contatti: NNOVASJON NORGE – Ufficio Norvegese del Turismo – www.visitnorway.it

 

 

Credit VISITOSLO_Didrick Stenersen

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here