4 C
Milano
giovedì, Dicembre 8, 2022

“OltreLario”: non solo lago, ma una girandola di emozioni

 di Maurizio Maria Fossati

 

Prende il via il progetto ideato dal GAL lago di Como in collaborazione con le Comunità Montane Triangolo Lariano e Lario Intelvese.

Tantissime proposte di turismo sostenibile per il “viaggiatore lento” che potrà godere di paesaggi, tradizioni e culture nate tra borghi e valli.

 

 

“Portiamo il viaggiatore lento nei territori rurali, sensibilizzandolo alla fruizione consapevole dei luoghi. Sviluppiamo itinerari tematici esperienziali attenti alla sostenibilità e all’accessibilità. Costruiamo una rete di attori locali che guidi il territorio all’accoglienza e alla narrazione anche dei luoghi più nascosti. Gli operatori locali sono i genuini narratori della ruralità”.

E’ questo il “manifesto” del progetto “OltreLario” presentato al Museo del Ciclismo Madonna del Ghisallo di Magreglio (CO) dal GAL Lago di Como in collaborazione con le Comunità Montane Triangolo Lariano e Lario Intelvese.

I rami del lago di Como, lo sappiano, attirano turisti da tutto il mondo. Sono una sorta di scrigno delle meraviglie. L’originalità di questo progetto, però, sta nel volere intercettare il viaggiatore che ama le esperienze e le emozioni che nascono dalla riscoperta delle antiche tradizioni, di luoghi silenziosi, immersi nella natura, e di sapori originali, eredità di un’arte culinaria ormai lontana.

Attorno al lago di Como ci sono innumerevoli posti con panorami mozzafiato. Sono tante le escursioni possibili in boschi e tra i borghi, i percorsi da fare a piedi o in bici, con diversi livelli di impegno: salite, sentieri tecnici, pianori, pratoni e boschi.

La sfida lanciata da OltreLario punta a rivitalizzare i borghi e i percorsi, a riscoprire la cultura e le tradizioni locali, ma si impegna anche a implementare le reti di supporto del settore turistico.

Nella pratica, finora, sono state circoscritte due aree, individuati e ripristinati 10 itinerari ad anello per cicloturisti ed escursionisti su sentieri già esistenti. Sono percorsi adatti sia alle famiglie, sia a un target esperto, intervallati da meraviglie naturali e storiche.  Vere esperienze di viaggio da provare. Sono, infatti, stati mappati più di 70 punti di interesse e una quindicina di panorami spettacolari sul lago di Como.

Indubbiamente la costruzione dell’offerta turistica “lenta” richiede un lavoro di rete: attori del territorio, operatori, noleggiatori di bicilette, guide, associazioni, amministrazioni locali. Tutti questi operatori devono progettare insieme il prodotto turistico. E la rete di OltreLario, in continua evoluzione, è composta da musei, attività artigianali, aziende agricole, beni storici, guide locali (pronte a raccontare anche la loro storia), e accompagnatori di media montagna. Con la rete sono già state identificate oltre 25 esperienze di viaggio per quei visitatori che ricercano l’autenticità in un’atmosfera di sano e tranquillizzante relax.

In definitiva, OltreLario si sta impegnando a offrire valore aggiunto alla vita, ma anche allo spirito del viaggiatore lento.

Riferimenti: scaricando l’App “OltreLario” si possono conoscere i percorsi del Triangolo Lariano e della Valle d’Intelvi finora individuati.

“OltreLario” si presenta su SharryLand: https://www.sharry.land/it/meraviglie/oltrelario

Instagram: https://www.instagram.com/oltrelario/

Facebook: https://www.facebook.com/oltrelario

Per ulteriori informazioni: Eleonora Gini – animatore Lago di Como GAL: animatore@lagodicomogal.eu

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles