5.4 C
Milano
martedì, Novembre 29, 2022

MSC WORLD EUROPA: LA “NAME CERIMONY”A DOHA

Uscita dai cantieri di St. Nazare da nemmeno un mese, posizionata  a Doha, dove c’è stata la cerimonia del “battesimo” con il tradizionale lancio della bottiglia, MSC World Europa è la nuovissima ammiraglia del Mediterranean Shipping Company S.A., la più grande delle 20 navi della flotta passeggeri del gruppo che fa capo all’armatore Gianluigi Aponte.

Msc World Europa
Il punto culminante del battesimo di Msc World Europa

La prima cosa che si nota arrivando con un comodo volo di Qatar Airways, eccezionale partner di MSC Crociere, usciti dal miglior aeroporto del mondo, il Doha international airport è, in lontananza, la linea sinuosa ed innovativa dei ponti superiori della nave illuminata a stagliarne l’inconfondibile profilo.

L’Europa, prima della classe World, cui seguirà il prossimo anno “America” ha una concezione avveniristica che mette d’accordo chi tiene alla sostenibilità come chi desidera il meglio da una vacanza sul mare, una delle declinazioni più in crescita nel mercato turistico, soprattutto dopo la pandemia.

«Siamo la compagnia che ha messo in mare il 50% della crescita mondiale di capacità dopo la pandemia – spiega Leonardo Massa, managing director Italia, non solo ospite perfetto, ma profondo conoscitore dell’azienda della famiglia Aponte – Non ci fermiamo: con una flotta di 20 navi adibite alle crociere, che diventeranno 23 alla fine del prossimo anno, con un investimento di oltre 3 miliardi di euro stiamo cambiando il modo di fare navigazione».

Il rapporto con il Qatar, paese emergente che dal 20 novembre accoglierà i Mondiali FIFA, dove non sarà in campo l’Italia, è saldo, sia con l’Ente di promozione turistica, Qatar tourism, che con il gruppo Qatar Airways che include la compagnia di bandiera, pluripremiata che si collega agli hub italiani di Milano e Roma, (oltre ad altri 150 scali nel mondo) e lo si capisce dalla presenza di Sua Eccellenza Akbar al Baker rispettivamente presidente e ceo delle due entità, strettamente legate e vicine a MSC Crociere, come ricordato dalle parole di Pierfrancesco Vago, presidente esecutivo e Gianno Onorato, ceo.

MSC World Europa
Pierfrancesco Vago, SE Akbar al Baker, Gianni Onorato

A Doha, nel modernissimo Qatar, MSC World Europa è stata ufficialmente “battezzata” dalla Presidente della Fondazione Qatar, Sheikha Hind bint Hamad al Thani, durante una suggestiva cerimonia che ha addirittura messo in cielo oltre 300 droni che hanno disegnato cose impensabili nella tiepida notte Qatara.

La nave,  68 metri di altezza, 333,3 metri di lunghezza, ma soprattutto 47 di larghezza che la rendono ancora più vivibile togliendo l’impressione a chi è a bordo di essere su una nave, ma viceversa in un curato ambiente terrestre, salvo quando ti affacci dagli spaziosi ponti per vedere l’immensità dei mari che solca, ha una particolare silouhette e proprio per i Mondiali assieme alle sorelle Opera e Poesia, fungeranno da “hotel galleggianti” mettendo a disposizione circa 15mila posti, per l’organizzazione dell’evento.

Msc World Europa
Doha dal ponte più alto della MSC World Europa

Una curiosità: sulla MSC World Europa alloggeranno le Wags britanniche.

«Vorrei spostare i nostri ospiti sull’aspetto ambientale – prosegue Massa – è la prima dotata di propulsione a GNL, gas naturale liquefatto, che alimenta i silenziosissimo motori che spostano le 220mila tonnellate di questo capolavoro di ingegneria navale. La nave è dotata anche di un trattamento di acque reflue di nuova generazione , con riduzioni  del 99% delle emissioni di ossido di zolfo,  dell’85% di ossido di azoto e del 21 % di gas serra. Anche questo conta negli investimenti».

MSC World Europa
Massa e Musso a presentare il “birrificio artigianale a bordo”

E nelle idee che alberga la grandezza della Compagnia, come per esempio la birreria artigianale di bordo, al pub Masters of the Sea, uno dei luoghi per un pasto veloce accompagnato da un’ampia lista di birre, in grado di produrre la birra “usando l’acqua del mare”, spiega il mastro birraio Teo Musso, artefice di questo visionario progetto che offre tre birre differenti che si esprimono su tre fronti (birra belga, tedesca e inglese) prodotte “in italiano”, proprio sulla nave.

Questa ultima generazione di vascelli, con una silhouette futurista, al buio resa ancora più elegante da linee luminose al posto del gran pavese, una prua a 90 gradi a picco sul mare e una poppa inedita a forma di Y con uno scivolo a spirale in parte panoramico, garantisce a bordo un grande senso di stabilità e si vede il mondo da un’altezza privilegiata.
Il 65% delle cabine che comprendono anche un comodo divano e spazi vitali ampi, dispone di un affaccio su un balcone a picco sul mare, un punto di vista privilegiato per i croceristi.

Msc World Europa
La “promenade” cuore pulsante della nave.

E poi le cabine con l’affaccio sulla promenade, il cuore pulsante della nave, quasi più ambite di quelle vista  mare. Grande spazio per lo shopping, l’intrattenimento, oltre 1.034 metri quadrati all’area bambini da 0 a 17 anni e sette stazioni per la realtà virtuale. Sette come le piscine e 13 vasche di idromassaggio aperte tutta la notte.

Nemmeno a dirlo: ampissimo spazio alla ristorazione, a qualunque ora del giorno e della notte, con ben 33 punti di ristoro che coprono un ventaglio così ampio da farvi fare il giro del mondo a tavola, con il denominatore comune del servizio di stampo italiano e la mano di un’azienda che ha le profonde radici a Napoli, nella più profonda e positiva italianità.

MSC World EUropa
Doha è pronta per il Mondial e2022 ma anche per il futuro

Tutto questo per soddisfare circa 6mila 700 ospiti che dai prossimi giorni popoleranno i 22 ponti di una vera “meraviglia” dei mari e degli oceani, il cui itinerario invernale, finiti i Mondiali vedrà, da Doha, home port, toccare nella regione del Golfo Persico, Abu Dhabi, Dubai, Sir Bani yas, Damman.

Le novità di MSC Crociere sono talmente tante che ci si perde a raccontarle tutte; resta il fatto che gli investimenti crescono e, da oggi a fine 2023, entreranno in servizio altre due navi, la Seascape e l’Euribia, per poi, sempre nel 2023, vedere il varo della prima nave della classe Explora, il nuovo brand MSC che prevede l’impiego di una flotta, dedicata a questa classe, nel 2028 di 7 vascelli…

E non è ancora finita…

Photocredit: @Onstagestudio.photo per MSC Crociere

Massimo Terracina
Massimo Terracina
Giornalista dal 1987 si è sempre occupato di sport e turismo, con incursioni su radio e tv. Ha sempre la valigia pronta per esplorare il mondo, inesauribile fonte di spunti. Viaggiare allarga la mente. "State viaggiati" (con licenza)

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles