2.4 C
Milano
mercoledì, Dicembre 7, 2022

L’insolita Venezia

 

Alessandra Gesuelli @alegesuelli

 

Sabato 13 maggio inizia la Biennale d’Arte. E Venezia si prepara ad accogliere per sei mesi artisti e creativi da tutto il mondo. Un motivo in più, se ce ne fosse bisogno, per tornare tra calli, canali e antichi palazzi. Venezia non stanca mai. Se della città avete già visto i monumenti più importanti e conoscete a memoria piazza San Marco, ecco un itinerario alternativo alla scoperta della Venezia più autentica e insolita.

 

 

Nel cuore di Cannaregio

Appena vi affacciate sul Canal Grande dalla Stazione di S.Lucia, vi tocca percorrere “l’autostrada del turista” sia che attraversiate il ponte, sia che restiate sul lato di Cannaregio. Le biglietterie dei mezzi pubblici di fronte alla stazione sono state migliorate, comprate qui la tessera per i vaporetti ed eventuali tessere che abbinano le visite alle principali attrazioni ai mezzi di trasporto. Il costo è come di consueto alto per i turisti (tre giorni 40 euro solo vaporetto) ma poi non ci pensate più. Cannaregio è uno splendido quartiere popolare. Infilatevi nella zona del Ghetto Novo, cioè il quartiere ebraico, e fatevi guidare dai profumi della storica pasticceria Giovanni Volpi, per alcuni dolci tipici della tradizione veneziana. La zona sta vivendo da qualche anno un forte recupero e se siete qui per lo Shabbat ci sono spesso celebrazioni e vengono serviti menù speciali nei ristoranti kosher. Già qui la folla di turisti si dirada e superata la piazza principale del quartiere ebraico, vi lascerete alle spalle tutti. Arrivate fino a S.Alvise, tra case popolari e lunghi filari di coloratissimi panni stesi ad asciugare. Qui è un altro mondo abitato solo dai veneziani, con i piccoli bar di quartiere affollati di anziani che giocano a carte e cortili dove i bambini giocano a pallone in libertà. Verso l’ora di cena, soprattutto d’estate, quando le finestre sono aperte, arriva dalle case il suono delle stoviglie e delle tavole che vengono apparecchiate. E le mamme si affacciano e richiamano i figli dai cortili: “E’ prontoooo”. Da S.Alvise camminate a piedi lungo la schiena del pesce (la forma di Venezia) fino a Fondamenta Nove.

murano

Da un’isola all’altra

Da Fondamenta Nove potete scegliere di esplorare alcune delle isole della laguna. Vetrerie ovunque e negozietti turistici animano ogni angolo di Murano. Ma se credete che sia tutta qui ripensateci. Prendete la linea 4.1 da Fondamenta Nove e fate in vaporetto tutte le fermate dell’isola del vetro. Non scendete subito a Colonna ma alla fine. E poi andate verso Ponte de le Terese e sedetevi al bar a chiacchierare con la gente. Qui è tutta una altra atmosfera. Se andate a Burano, meglio visitarla nel pomeriggio, quando le folle si diradano: restate a cena per prendere l’ultimo vaporetto della sera e tornare sul tardi a Venezia. Allora avviene la magia. La piazza principale di Burano si anima di famiglie a passeggio, i bambini giocano, gli anziani commentano la giornata. Per la piccola Torcello invece gli orari dei vaporetti, vi obbligano a organizzarvi prima ma potete pranzare o cenare, passando la notte, alla Locanda Cipriani: da 80 anni lo charme di questo luogo è assolutamente intatto. Questo periodo dell’anno potete andare anche sull’isola- giardino di Sant’Erasmo, da sempre il luogo da cui provengono le migliori verdure di Venezia e una delle sue specialità più amate, il carciofo violetto. Le castraùre, il primo germoglio, sono una vera delizia e si mangiano crude tagliate a fettine sottili con un po’ di olio e pepe. Questa è la stagione giusta per trovarle il sabato al Mercato di Rialto.

mercati_rialto

Il sabato a Rialto

Se avete una cucina nel vostro appartamento, potete fare come i veneziani e il sabato mattina fare la spesa al mercato di Rialto. Famoso in tutto il mondo,  resta ancora autentico e frequentato dagli abitanti della città, nonostante le difficoltà per sopravvivere. I banchi di pesce locale sono a ottimo prezzo e tra i banchi di verdure date una occhiata dove vedete la fila con i carrelli. Lì ci sono i banchi che hanno i campi a Sant’Erasmo e ci trovate le verdure più buone da abbinare al vostro pesce. Comprate anche le vaschette di pesce fresco mantecato, preparato dai negozianti: su una fettina di pane croccante vi farà da goloso cichetto veneziano fai-da-te. La tradizione dei cichetti resta forte anche se per trovare degli autentici bacari bisogna camminare non poco e saper scegliere. Per questo andate fuori dai circuiti turistici, inoltratevi nel quartiere di Dorsoduro, dove la Cantina Schiavi  a Fondamenta Nani ha un buon rapporto qualità-prezzo, da 1,20 euro a singolo assaggio, e vi permette di fare una camminata nella zona di Santa Marta, popolarissima e colorata: qui di turisti ne trovate davvero pochi, eppure non siete lontani da Palazzo Grassi e le grandi mostre.

Damien in Laguna

Proprio Palazzo Grassi insieme a Punta della Dogana, ospitano fino al 3 dicembre  Treasures from the Wreck of the Unbelievable, la grande mostra evento di Damien Hirst, artista geniale, oggi miliardario, originario di Bristol. Per la prima volta entrambi gli spazi espositivi della Fondazione Pinault saranno dedicati in contemporanea allo stesso artista ed è dal 2004 che in Italia non si tiene una sua grande mostra personale, dalla retrospettiva The Agony and Ecstasy al Museo Archeologico Nazionale di Napoli nel 2004. Fuori da entrambi le sedi espositive troneggiano le sue sculture “antiche”. Tutta la mostra è un gioco raffinato e molto ironico tra creatività, immaginazione, storia e archeologia. Da non perdere, insieme agli altri eventi della Biennale.

AMO 2

Il nuovo T Fondaco

A due passi dal Ponte di Rialto, il recente recupero dell’antico Fontego dei Tedeschi è certamente uno dei progetti architettonici più importanti degli ultimi anni a Venezia. Lo scorso autunno, dopo 8 anni di lavori, il grande complesso dove anticamente si fermavano i mercanti tedeschi e che aveva in tempi recenti ospitato le Poste, ha riaperto come polo del lusso, firmato Dfs e con un nuovo nome, T Fondaco. Al centro dello spazio che accoglie 65 boutique, si trova AMO, il nuovo ristorante della famiglia Alajmo, già titolare del Grancaffè & Ristorante Quadri in Piazza San Marco e dei ristoranti Le Calandre di Padova e del Caffè Stern a Parigi. Gli arredi sono firmati dal designer Philippe Starck per questo bistrot che si ispira alla cucina tre stelle degli Alajmo ma la propone in versione casual. E così in menù convivono le pizze cotte al vapore (ricetta brevettata by Alajmo e presentata all’edizione 2017 del congresso di chef Identità Milano) con il loro classico “cappuccino alla bolognese” proposto nel tre stelle per molto tempo.  La freschezza e la qualità delle materie prime è sempre centrale anche in versione bistrot, nella cucina degli Alajmo. Delizioso il Carpaccio d’avocado con coriandolo e condimento balsamico bianco  e non perdete le acciughe del Quadri. Parte del pesce e alcune verdure sono prese al vicino mercato di Rialto, a cui è dedicato un menù degustazione.

Spritz alla Giudecca

Prendete al volo un vaporetto e scendete alla prima fermata della Giudecca, Zitelle, qui sedetevi al piccolo bar vicino e godetevi uno spritz semplice con vista unica, in prima fila su piazza San Marco, perfetto all’ora del tramonto e senza folla. Passeggiando per la Giudecca andate a pranzo in una trattoria storica dell’isola, amatissima da locali e dai (pochi) turisti che la scoprono, l’Altanella, dal bel dehors sul retro affacciato sul canale. Questo posto rappresenta un pezzo di cultura della Giudecca. Prendete le specialità locali dal menù, come  le seppie alla Veneziana, morbidissime e gustose e servite con la polenta alla piastra. Poi prendete il vaporetto per San Giorgio e visitate il complesso di San Giorgio Maggiore con le sue mostre. Lo spazio è gestito dalla Fondazione Cini.

 

Artocolo pubblicato al link:

http://blog.ilgiornale.it/viaggiopervoi/2017/05/11/linsolita-venezia/?repeat=w3tc

 

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
- Advertisement -

Latest Articles