Il Vans Penken Park di Mayrhofen

0
1124

Ormai non è più una novità, il Vans Penken Park di Mayrhofen è lo snowpark migliore delle Alpi e uno dei migliori di tutto il mondo. Lo snowpark nel cuore dello Zillertal, ha ricevuto un premio speciale, infatti Snowboarder MBM Magazine, attraverso le votazioni di rider, giornalisti, opinion leader e lettori ha eletto il Vans Penken Park di Mayrhofen il miglior snowpark d’Europeo del 2010.

Come riportato dal magazine stesso: "Vista la quantità e la qualità degli snowpark sulle Alpi, pensavamo che la lotta per vincere questo premio sarebbe stata più dura, ma quando abbiamo iniziato a contare i voti le nostre previsioni sono state subito smentite, infatti il Vans Penken Park di Mayrhofen si è aggiudicato il premio con un ampio margine di voti, portando a Zillertal il titolo "European Park of The Year 2010".

E’ stato un grande onore ricevere questo premio, soprattutto per tutte quelle persone che lavorano al park con tanta passione e dedizione. Uno di questi è lo svizzero Sven Toller, park designer del Vans Penken Park, che abbiamo incontrato per chiedergli di raccontarci la sua esperienza a Mayrhofen, le sue qualità e la sua vita a Zillertal.

Primo anno come park designer a Mayrhofen e subito il premio "Park of the Year"- non poteva andare meglio!
Sven: Direi che è un buon debutto, ma non voglio prendermi tutti i meriti, senza il lavoro del mio predecessore Stefan Plattner il park non sarebbe com’è adesso!

In generale, ti ha sorpreso il fatto che il Vans Penken Park sia stato selezionato come numero 1 in Europa con così tanti voti? Cosa significa per te questo premio?
Sven: Ad essere sincero, la vittoria in sé non mi ha sorpreso più di tanto, immaginavo che la vittoria potesse andare a Laax o Mayrhofen, la vera sorpresa è stata la vittoria schiacciante, il numero di voti. Sono molto contento ed è sicuramente una forte spinta per fare ancora meglio e mantenere il titolo nei prossimi anni.

Hai iniziato la tua carriera come shaper allo Swatch Snowpark Sölden, dove hai imparato le moderne tecniche di design dei park seguendo gli insegnamenti di Rudi Whylidal. Quanto ti ha dato l’esperienza a Sölden per la tua professione? Chiedi ancora consiglio a Rudi?
Sven: l’esperienza a Solden è stata fondamentale e Rudi ha influenzato tantissimo la mia formazione ed il mio modo di lavorare, lì ho imparato quasi tutto. Penso che se non fossi andato a Sölden, ora non sarei a Mayrhofen. Rudi oltre ad essere un bravo fotografo ha costruito i kicker più spettacolari e grandi di tutta Europa, ed è anche un grande amico. Ci sentiamo spesso e ogni tanto gli chiedo qualche consiglio tecnico. E’ stato uno dei primi a chiamarmi quando ho ricevuto l’offerta di lavoro a Mayrhofen. Colgo l’occasione per ringraziare Öztal e Rudi per tutto quello che hanno fatto per me.

Il Vans Penken Park di Mayrhofen è il resort che ha visto nascere lo sport freestyle nelle Alpi ed è considerato la Mecca da molti rider. E’ stato difficile per te prendere in mano questo prestigioso progetto? Le aspettative immagino erano alte, no?
Sven: All’inizio non ero sicuro di volerlo fare perché le aspettative degli altri erano decisamente alte, soprattutto tra i local visto che il park era già conosciuto in Europa. Ma fortunatamente ho dei buoni amici che mi hanno incoraggiato ad affrontare la sfida. E’ stato come catapultarsi nel vuoto ed ero molto spaventato. Ma già dopo qualche settimana qui a Mayrhofen, ho capito che tutto era gestito in maniera molto professionale. La collaborazione con le mountain railways di Mayrhofen ed i rapporti con i rider del posto procedono alla grande. E poi il primo anno è sempre il più duro, noi abbiamo fatto del nostro meglio e fortunatamente il riscontro è stato positivo. Ovviamente ci sono ancora margini di miglioramento.

Oltre ad essere l’Äestetiker di Mayrhofen un resort famoso, il Vans Penken Park è anche un incredibile spot per i rider di tutto il mondo, rider come Halldor, Helgason, Sake Kotsenberg, Seb Toots, Mack McMorris spesso sono stati avvistati qui nella valle dello Zillertal. Secondo te, cosa rende Mayrhofen così celebre all’estero? Cos’ha che gli altri park non hanno?
Sven: Credo che sia dovuto al fatto che il park è molto lungo, infatti la sequenza di tre kicker e la parte finale costeggiano esattamente la seggiovia a sei posti in tutta la sua lunghezza; e poi anche la possibilità di allenarsi d’estate sul ghiacciaio di Hintertux, richiama l’attenzione dei rider, senza contare che questo è l’home resort di molti Pro come Werni Stock, Peter König, Tom Klocker, Chris Kröll e tanti altri del team Äestetiker. Credo che questi fattori messi insieme costituiscano il motivo per cui Mayrhofen è tanto amata dai rider internazionali.

A curare il design del park di Mayrhofen siete in due, considerando anche Karl Sanderson. Come vi organizzate? Come vi dividete i compiti quotidiani?
Sven: Collaboriamo molto bene e la suddivisione dei compiti è piuttosto precisa, anche se ovviamente ci sono sempre cose extra da fare. In linea di massima, Karl si occupa insieme a me del design e poi della parte più pratica con i gatti delle nevi e gli altri macchinari, io invece sono responsabile dell’organizzazione e della comunicazione tra le mountain railways, gli organizzatori degli eventi ed il park.

Anche quest’anno dal 12 al 19 marzo il Vans Penken Park di Mayrhofen ospiterà il Wängl Tängl, l’unico evento di snowboard organizzato dai rider per i rider. Come sarà l’allestimento? Puoi già svelarci qualche segreto?
Sven: Haha…ad essere onesti non voglio rivelare molto. Vi dico che stiamo lavorando tanto per creare un set-up da urlo…aspettate e vedrete!

Ultima domanda: Mayrhofen è considerato il luogo ideale per i party sulle Alpi, vedi lo "Snowbombing". Me lo confermi? Che votazione daresti alle ragazze del Chillertal?
Sven: Haha…si, le feste a Mayrhofen sono decisamente lunghe e belle! Non sono ancora stato allo Snowbombing, ma ne ho sentito parlare bene ☺ . Sono già curioso…tanti giovani ragazzi insieme a tante belle ragazze regaleranno a Zillertal un’atmosfera senza dubbi piacevole, rilassata e amichevole. Venite per credere!

Ufficio Stampa Coffee Grinder
Rachele Cantenne – rachele.cantenne@coffeegrinder.it – 392 9809737
Valeria Milano – valeria.milano@coffeegrinder.it

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here