Il GIST per Kiwanis International, lettera del socio Egidio Genise

0
3311

Cari amici e colleghi,

sono Egidio Genise, socio Gist sin dalla sua fondazione, giornalista professionista, gia inviato del quotidiano L’Eco di Bergamo e oggi, direttore del portale turistico www.cosasifa.it.

Vi scrivo in qualità di Luogotenente Governatore della Divisione Lombardia 2 del Kiwanis International, Distretto Italia-San Marino, responsabile di nove club dell’Associazione e precisamente Cremona, Cremona Stradivari, Cremona Monteverdi, Del Sebino, Iseo Lago, Brescia Uno, Brescia Leonessa, Bergamo Orobico e Città di Tirano.

Il Kiwanis International si occupa, grazie a raccolte di danaro con varie manifestazioni e iniziative, di fornire aiuto e assistenza a quanti hanno bisogno, soprattutto i più deboli, anziani e bambini.

In questo momento in particolare, l’Associazione, in stretta collaborazione con l’UNICEF, sta cercando di raccogliere, tra tutti i suoi club sparsi per il mondo, 110 milioni di dollari, denaro necessario a debellare il tetano materno e neonatale da tutto il pianeta, con un progetto denominato “ELIMINATE”.

Sino ad oggi, Kiwanis e Unicef, hanno raccolto, in poco più di due anni, circa 70 milioni, riuscendo a debellare il tetano in 25 Paesi.

A questo proposito voglio ricordare a tutti che a causa di questa malattia, muore nel mondo, un bambino ogni 9 – nove – minuti. E la morte di questi bambini è particolarmente terribile, una morte che sopraggiunge pochi giorni dopo la nascita. Eppure per salvare uno di questi neonati, basterebbero poco più di quattro dollari, il costo del vaccino.

Per raccogliere il danaro, ogni club dell’Associazione organizza manifestazioni di vario genere, gazebi per la vendita di castagne, di fiori; cene di beneficienza; lotterie, con oggetti donati da soci e simpatizzanti.

Ecco, lotterie. Ed è per questo che ho bisogno del vostro aiuto.

Ognuno di noi, nei suoi viaggi per il mondo, ha acquistato o ricevuto in dono, nei vari Paesi in cui è stato, piccoli oggetti che al momento sembravano essere particolarmente interessanti ma che poi, una volta a casa, sono finiti in qualche scansia, in qualche armadio a prendere polvere.

Personalmente mi sono ritrovato con uno scatolone di questi oggetti che, se non avessi parlato con la nostra Presidente, Sabrina Talarico, sarebbe finito in qualche discarica.

Perché è stata proprio Sabrina, conoscendo la mia attività Kiwaniana, che ha lanciato l’idea della lotteria con gli oggetti che ci ritroviamo a casa. Così, invece di lasciarli in cantina, di buttarli e lasciarli a figli e nipoti, che non saprebbero cosa farne, perché, ci siamo detti, non usarli per una buona azione?

Magari anche voi vi ritrovate con questa mercanzia e non sapete cosa farne: allora dateli a me, fatemeli avere e io, se riuscirò a raccoglierne un discreto numero, organizzerò una lotteria o una vendita a cura del GIST e tutto il ricavato andrebbe al progetto ELIMINATE.

La vendita verrebbe fatta a Bergamo nell’arco di una settimana, dieci giorni: al banchi soci kiwaniani dei nove club della Divisione e giornalisti del GIST che volessero partecipare.

Se l’idea andrà in porto, alcuni colleghi della carta stampata e delle televisioni nazionali, mi hanno garantito la necessaria copertura pubblicitaria, per il progetto ELIMINATE e per il GIST.

Sul dove, sul quando e sul come, ne parleremo in un altro momento, una volta deciso di compiere “l’impresa”.

 

Grazie a tutti per quello che potrete fare

 

Egidio Genise

e.genise@cosasifa.it

cell. 3358152248

UNICEF e Kiwanis, insieme per debellare il tetano materno e neonatale

di Giulia Trabucco

Relazioni con i Grandi Donatori

Comitato Italiano per l’UNICEF Onlus – Roma

Il Kiwanis International, uno dei principali club service al mondo, ha siglato con l’UNICEF un accordo per collaborare nell’eliminazione del tetano materno e neonatale, una malattia che uccide ogni anno decine di migliaia di neonati e le loro madri.

La maggioranza delle madri e dei neonati che muoiono di tetano vivono in paesi, che si trovano in Africa e nell’Asia meridionale e dell’Est. Le conseguenze della malattia sono orrende: madri e bambini muoiono dopo un tremenda agonia.

Il tetano materno e neonatale è facilmente prevenibile attraverso una serie di tre dosi di vaccini da somministrare alle donne in età fertile, con una spesa di circa 1,80 dollari.

Il Kiwanis si è impegnato a donare a livello mondiale all’Unicef 110 milioni di dollari entro il 2015, nell’ambito del progetto “The Eliminate”.

Grazie alla rete globale di volontari del Kiwanis, ad oggi sono stati raccolti per il progetto “The Eliminate” oltre 70 milioni di dollari, che hanno contribuito a debellare il tetano neonatale in ben 35 paesi su 59.

L’UNICEF tramuta i fondi raccolti in vaccini ma faciliterà anche l’accesso a servizi essenziali – come acqua potabile e altri vaccini – per alcune tra le comunità persone più vulnerabili al mondo, perché povere, appartenenti a minoranze etniche o collocate in aree remote.

www.unicef.it

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here