Australia, La Grande Barriera Corallina celebra la nascita di miliardi di nuovi coralli

0
104
Credit Pablo Cogollos Sunlover Moore Reef Marine Base

 

L’annuale riproduzione del corallo vista come speranza di una nazione che sta per uscire dall’isolamento

 

 

La notte del 23 novembre, in un’esplosione di colori e in uno spettacolo di vita, miliardi di piccoli coralli sono nati sulla Grande Barriera Corallina al largo della costa di Cairns, segnando un’altra pietra miliare nella storia della vita sulla barriera corallina.

Il biologo marino di Reef Teach e biologo marino con più di 20 anni di esperienza, Gareth Phillips, ha paragonato l’evento di riproduzione del corallo di quest’anno a un simbolo di rinascita e speranza.

Gareth Phillips, che ieri sera ha filmato in prima persona l’evento, ha commentato che la tempistica della riproduzione del corallo del 2021, circa quattro giorni dopo la luna piena di novembre, coincide approssimativamente con la prossima riapertura dell’Australia. Ha paragonato l’emozione della nuova vita corallina allo stato d’animo di una nazione che sta per riemergere dall’isolamento.

“Niente rende le persone più felici di una nuova vita, la riproduzione di corallo ne è il più grande evento al mondo. Una vera e propria celebrazione della vita. Questa positività è ciò di cui abbiamo bisogno”.

La riproduzione dei coralli avviene una volta all’anno; quando i coralli rilasciano nell’acqua il materiale genetico che arrivando in superficie si apre rilasciando sperma e uova che urtandosi si fecondano.

Mr Phillips, dall’imbarcazione della spedizione, Passions of Paradise, presso Point Break Reef al largo di Flynn Reef a 60km dalla costa di Cairns, ha commentato che quest’anno la riproduzione del corallo è iniziata al tramonto ed è stata magistrale: “I coralli hanno rilasciato tutti insieme il materiale genetico, ma questa volta sembravano esserci diverse specie che si riproducevano a ondate, una dopo l’altra. Le condizioni erano magiche, l’acqua era trasparente ed era tutto illuminato da una luminosa luna”.

Paragonando questo evento a un segno di speranza per gli australiani, Phillips ha commentato: “È gratificante vedere la barriera corallina riprodursi. Tutto ciò dimostra che il più grande ecosistema al mondo gode di buona salute. Nonostante abbia attraversato un periodo difficile, può ancora rispondere positivamente – e questo dà speranza”.

Quest’anno, il biologo Phillips e un equipaggio di otto persone sono partiti per studiare l’evento con il progetto Coral Index Project. Recandosi in tre diversi siti della barriera corallina hanno delimitato le zone da studiare della barriera. Durante la notte l’equipaggio è tornato in queste aeree per filmarle e per realizzare ulteriori analisi. Questa ricerca può ritenersi la versione scientifica di un inventario annuale della barriera corallina.

Flynn Reef_ Point Break acropora releasing @ Credit Gabriel Guzman Calypso Productions

“Sarà la prima volta che avremo a disposizione dati che dimostrano quali specie si riproducono con successo. Con questo progetto mostreremo la variabilità e la diversità della barriera, monitoreremo la sua salute, mostrando quali parti della barriera e quali specie sono attive. Oltre a scoprire una maggiore varietà di coralli”, conclude Philips.

La spedizione Reef Teach è stata sostenuta da Tourism Tropical North Queensland in collaborazione con Tourism and Events Queensland e Tourism Australia. Reef Teach ha anche collaborato con Passions of Paradise, un tour operator di immersioni e snorkeling della Grande Barriera Corallina con sede a Cairns.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here