Appello del GIST: non chiudiamo le testate per colpa della crisi

0
3227

 

Editoriale Domus annuncia 
la chiusura di Tuttoturismo
Anche Gente Viaggi e Gambero Rosso
in difficoltà

 

 

 

Appello del GIST: non chiudiamo
le testate per colpa della crisi

 

L’Editoriale Domus ha annunciato l’intenzione di chiudere Tuttoturismo, voci altrettanto preoccupanti, anche se non ancora confermate, giungono da Hachette a proposito di un altro "pezzo da novanta" dell’informazione di settore, Gente Viaggi. Anche il Gambero Rosso ha dichiarato lo stato di crisi e chiesto la cassa integrazione.
Si tratta di testate storiche, che hanno contribuito in modo sostanziale allo sviluppo di un settore giustamente definito strategico per l’Italia: i viaggi, il turismo, l’enogastronomia. Testate con una loro tradizione, un loro stile e lettori molto legati, con tanti referenti di primaria importanza nell’area di competenza. Di fronte a quella che appare come la crisi di un settore importante dell’informazione, all’interno della crisi più generale, il GIST fa appello agli editori affinché facciano tutto quanto è in loro potere per non condannare le testate ma semmai per adeguarle alla nuova situazione e alle nuove esigenze. Inoltre chiediamo a tutto il variegato mondo del turismo, ai soggetti privati come a quelli pubblici, di riflettere seriamente sulla necessità di sostenere e incoraggiare l’informazione di settore, specialmente quella che ha sempre mostrato maggiore qualità e impegno.
In momenti come questi la preoccupazione principale, per il sindacato, è la salvaguardia del posto di lavoro per i colleghi delle redazioni e la difesa – assai più difficile – dei collaboratori esterni, giornalisti scriventi e fotografi. La FSNI e le associazioni regionali di stampa stanno compiendo le loro azioni sindacali. A noi preme sottolineare, a monte, che il ruolo di queste testate, di questo settore, è tutt’altro che secondario e proprio per questo merita da parte di tutti la massima attenzione.

 

Gruppo Italiano Stampa Turistica

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here