ALLA SCOPERTA DI BERGAMO E DEL SUO TERRITORIO

0
4613

La cultura e il relax vanno di pari passo a Bergamo piena di mostre, musei importanti fra cui uno digitale d’avanguardia, uno splendido borgo medievale perfettamente conservato, itinerari fra monumenti e natura, seguendo la suggestiva funicolare di San Vigilio, che nel 1913 ispirò romantiche pagine ad Herman Hesse.Questa città a misura d’uomo è ideale per un week end in cui coccolarsi con stile.
Una passeggiata lungo le Mura venete, una sosta nei numerosi parchi verdi, uno sguardo dall’alto verso la città bassa, l’antica funicolare restaurata, i colli attorno al borgo medievale. E ancora: una cucina semplice e di tradizione, vini di qualità, lo shopping nel centro elegantissimo, mostre d’arte, musei importanti come l’Accademia Carrara o la Galleria di Arte Moderna e Contemporanea, oppure avveniristici come il museo sulla storia cittadina completamente digitale (il Museo Storico dell’età Veneta). A Bergamo Alta, tappa imprescindibile è il Campanone, l’affascinante Torre Civica, simbolo della città medioevale, che offre uno splendido panorama sulle Alpi ed è anche il punto di vista migliore su Piazza Vecchia una delle piazze più belle d’Italia, per secoli centro politico della città. Qui si affaccia il Palazzo della Ragione.La Basilica si trova in Piazza del Duomo, simbolo del potere vescovile. Accanto, la Cattedrale, la Cappella Colleoni, il Battistero e il Vescovado.
Lasciata Bergamo, in direzione di Valbondione si arriva alle miniere di Lizzola dove ogni weekend si effettuano visite guidate (7 euro) di 1 ora e mezza e lungo 3 km nelle viscere della terra. La bellezza di questa miniera sta nell’autenticità del luogo: è stata messa in sicurezza senza interventi invasivi, questo permette di apprendere le condizioni estreme in cui lavoravano i minatori. La miniera è ricca di minerali, stalattitti e stalagmiti. Per una giornata nel verde, niente di meglio del «Parco sospeso nel bosco» di Gromo: un divertente itinerario sugli alberi con corde, ponti, liane, reti e carrucole, che si snoda nella foresta di abeti bianchi e rossi nell’incantevole scenario delle Alpi Orobie. Percorsi per bambini, ragazzi e adulti (costo 23 euro).
Infine un paesaggio fiabesco di natura incontaminata che cede spesso il passo a interessanti opere di archeologia industriale circonda l’Adda e il Brembo dove Leonardo si ispirò per lo sfondo della “Vergine delle rocce». Si possono percorre in bicicletta, oppure con “un colpo di vita” vederle dall’alto: il viaggio in elicottero costa 380 euro (www.ovetviaggi.it).

Graziella Leporati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here