A Crema Palazzo Zurla De Poli celebra l’amore per l’arte

0
785
Palazzo Zurla De Poli

Le proposte di San Valentino per condividere un’esperienza esclusiva con la persona del cuore

 

 

Passeggiare per le vie colorate di Crema, respirare la storia della città e lasciarsi trasportare dall’amore, anche quello per l’arte, in una giornata alla scoperta di angoli segreti in speciale compagnia e in modo inedito: questa la ricetta che Palazzo Zurla De Poli propone per celebrare il San Valentino a Crema.

Palazzo Zurla De Poli, gioiello del Rinascimento nel cuore della città, apre le sue porte a tutti gli innamorati con due esperienze dedicate alla storia dell’arte e alle storie d’amore.

L’amore è infatti il fil rouge che lega le mitiche gesta di un’eroina classica, Psiche, raffigurate negli affreschi del Salone d’Onore del palazzo, al mecenatismo della casata degli Zurla, antichi proprietari della dimora dal 1520, alla passione per l’arte.

È una storia d’amore senza tempo quella narrata da un bravo pittore del territorio ma profondamente attratto dalla grazia e dalla dolcezza di uno dei più grandi artisti di tutti i tempi, Raffaello Sanzio da Urbino.

Psiche, fanciulla naturalmente bella quanto ingenua, da un giorno all’altro si trova a fare i conti non con l’amore, ma con Amore – o Cupido – in persona, il figlio di Venere, un dio, invaghitosi proprio di lei, giovane umana.

È la storia di un amore che fa sognare, che eleva la fantasia dalla terra al cielo, proprio come lo sguardo degli Ospiti, che, una volta varcata la soglia, si lascia sorprendere dal colore e dalla luce per ammirare l’intera favola, che si dipana sulla maestosa volta in una quantità di lunette, cartigli, ovali, quadrati, affreschi.

La favola allude a persone storicamente vissute: messer Giulio Zurla, l’allora proprietario del palazzo, e donna Lucrezia De Marchi, che nel 1558 suggellano la propria unione commissionando la realizzazione degli affreschi in onore del loro amore.

Immaginiamo che il matrimonio sia stato felice, circondato da tale bellezza.

Palazzo Zurla De Poli

 

Le proposte di San Valentino

 

L’ARTE DELL’AMORE

L’esperienza prevede un tour nelle sale nobiliari del palazzo, accompagnati da una guida privata, della durata di 1 ora, e a seguire un brindisi con bollicine firmate Vineria Fuoriporta.

Euro 30 per coppia, voucher su prenotazione e con validità di 6 mesi

 

AMORE CON ARTE

Un pomeriggio da dedicarsi in un luogo esclusivo. In partnership con la fotografa ritrattista Monica Antonelli, in arte Monimix, l’esperienza prevede un tour nelle sale nobili del palazzo con una guida privata, della durata di 1 ora, una sessione di shooting fotografico nei colori del tramonto del romantico giardino all’italiana della dimora, della durata di 2 ore, un book fotografico digitale di circa 10 fotografie, una stampa in formato A4 del ritratto preferito.

Euro 300 per coppia, voucher su prenotazione e con validità di 6 mesi

 

CONTATTI

Per info e prenotazioni:

Palazzo Zurla De Poli | info@palazzozurla-depoli.it

http://www.palazzozurla-depoli.it/

 

 

Palazzo Zurla De Poli

PALAZZO ZURLA DE POLI

Edificato nel 1520 dal nobile Leonardo Zurla, il Palazzo è un esempio di villa di caccia dai canoni cinquecenteschi lombardi. Lo sfarzo degli ambienti è riservato esclusivamente per l’interno: il Salone d’Onore, affrescato con la raffigurazione della storia di Amore e Psiche di Apuleio e tre sale minori, decorate con cicli pittorici dei maggiori artisti lombardi del tempo, tra cui Aurelio Buso.

Nel processo di valorizzazione di Crema e del suo territorio, Palazzo Zurla De Poli si propone come un significativo elemento che con i suoi 500 anni arricchisce la storia dei monumenti e dei palazzi cittadini.

Salotto culturale e punto d’incontro per occasioni speciali, il Palazzo offre un valore aggiunto alla città, come spazio per attività di promozione artistica e culturale.

Dal 2020, Palazzo Zurla De Poli è membro dell’Associazione Dimore Storiche Italiane (ADSI).

Palazzo Zurla De Poli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here